Scandalo Telsey a San Giorgio del Sannio.(BN) - Scajola sceglie Telsey s.p.a. per il progetto Made in Italy. Telsey In contemporanea mentre incassa i finanziamenti licenzia i propri dipendenti.

Scandalo Telsey a San Giorgio del Sannio.(BN) - Scajola sceglie Telsey s.p.a. per il progetto Made in Italy. Telsey In contemporanea mentre incassa i finanziamenti licenzia i propri dipendenti.

Resoconto dell'incontro del 29 giugno presso Confindustria di Benevento cui è scaturito un vergognoso  "accordo sindacale tra le parti".

 

Ancora coup de théâtre , esiti inauditi e imprevedibili pervengono dalla vicenda del licenziamento collettivo della Telsey s.p.a. di San Giorgio del Sannio.

In data 12 luglio 2010 a 14 dei 17 ex dipendenti Telsey è pervenuta la formale lettera di licenziamento, con cui l'Azienda tra l'altro comunica che " l'intera procedura di mobilità si è conclusa con un accordo sindacale tra le parti."

C'è da restare basiti: un accordo sindacale tra le parti? E come ?

In un precedente comunicato avevamo reso noto come  i Sindacati CGIL e CISL avevano disconosciuto per la seconda volta, le rappresentanze aziendali (r.s.a) di ben quattordici lavoratori Telsey, poichè ree di essersi fatte accompagnare da consulenti per l'esame congiunto dei bilanci aziendali al tavolo istituzionale regionale già lo scorso 4 giugno, facendo loro abnorme divieto di presenziare ed assistere alla riunione sindacale tenutasi il 29 giugno presso la sede di Confindustria a Benevento. Ed avevamo pure doverosamente stigmatizzato questo anomalo comportamento dei Sindacati che negli ultimi giorni precedenti il tavolo avevano fatto pervenire a Confindustria l'arbitraria  revoca delle  r.s.a. legalmente costituite presso CISL e CGIL, una revoca decisa unilateralmente senza nessuna consultazione preventiva dei lavoratori, e persino senza farla precedere nè seguire da alcuna comunicazione alle  stesse r.s.a e addirittura senza motivare nello stesso fax la causa scatenante l' irremovibile e solo apparentemente estemporanea decisione dei sindacati ! 

Seguendo tuttavia gli eventi , che si sono succeduti al tavolo del 29/06/2010, si capisce senza ombra di dubbio che tale revoca doveva solo essere strumentale al raggiungimento di un accordo sindacale che in 4 mesi di incontri tra le parti i lavoratori non hanno mai voluto sottoscrivere, e non certo per aggrapparsi ad un posto di lavoro che ormai di fatto non c'era più, ma presi esclusivamente dal legittimo desiderio di conoscere la reale situazione economico/finanziaria dell'azienda che li stava prima cedendo, poi mettendo in cassa integrazione straordinaria, poi licenziando.

La costante di questo lungo iter per i lavoratori Telsey è sempre stato il desiderio di non essere oggetto di manovre che avrebbero fatto solo gli interessi di pochi a completo danno esclusivo dei lavoratori stessi ed a fronte di legittimi dubbi e sospetti che si potevano mettere a tacere facilmente con la sola apertura ad un trasparente dialogo, con la naturale conseguenza di una chiusura di Telsey col territorio sannita senza strascichi e problemi di sorta, chiusura con tutti gli accordi procedurali previsti dalla legge , cui putroppo, si è replicato invece solo con sotterfugi in frode alla legge ed allo Stato, ed ai lavoratori stessi.

Quanto fossero legittime le istanze di trasparenza e di legalità espresse dai lavoratori, e quanto fossero fondati  i forti dubbi della stessa comunità sangiorgese sulla veridicità della crisi aziendale paventata da Telsey s.p.a. lo dimostrano i documenti da cui si evince che Telsey di San Giorgio del Sannio è stata destinataria di un flusso continuo di finanziamenti pubblici, il cui presupposto era il radicamento di Telsey sul territorio. Presupposto che ora viene a mancare del tutto, per cui sarebbe ora che Telsey restituisca i fondi intascati.

Vedasi in proposito e solo a titolo di esempio la pagina 25 del seguente documento: CATALOGO DI PROGETTI ESEMPLARI DEL PON “RICERCA SCIENTIFICA, SVILUPPO TECNOLOGICO, ALTA FORMAZIONE “2000 - 2006 al link :https://www.lupt.unina.it/Brochure/pon.pdf, che attesta un contributo F.ES.R. (Fondo Europeo di sviluppo regionale) di quasi 400.000 euro di cui è stata beneficiata la Telsey di San Giorgio del Sannio, l'allegato 1 del DECRETO DIRIGENZIALE N. 174 del 6 luglio 2007 pubblicato sul B.U.R.C. N.43 del 1 agosto 2007,il "Bando per la concessione degli aiuti alle PMI in attuazione della Misura 3.17 del POR Campania 2000/2006 nell'ambito dell'Accordo di Programma Quadro in materia di e-government e Società dell'Informazione. Progetto Metadistretto del Settore ICT - Ammissione a finanziamento" adottato con DECRETO DIRIGENZIALE N. 25 del 28 febbraio 2008 pubblicato sul BURC N.13 del 31 marzo 2008 , e da ultimo il progetto di Telsey, che si chiama Delis (Digital Electronic living intelligent system) che  ha un costo complessivo di 7,9 milioni di euro ( che non sono bruscolini ma soldi di tutti noi cittadini) ed è stato selezionato e finanziato  da Scajola(:https://www.trevisosystem-online.com/tvsys/home/archivio-news/4211_i-progetti-di-telsey-ecor-e-gamma-poliuretani-selezionati-da-scajola--.html) 

 

 

Ma procediamo con ordine.

Se come apprendiamo Telsey dice che " l'intera procedura si è conclusa con un accordo sindacale tra le parti" e le r.s.a. venivano disconosciute dai sindacati, cosa è realmente successo il 29 giugno presso Confindustria alla riunione segreta avente come oggetto di discussione la messa in mobilità?

 

Ecco quanto è accaduto. Alla riunione sindacale presso Confindustria del 29 giugno non è stato consentito alle RSA legalmente costituite presso CISL e CGIL di partecipare alla riunione, sebbene queste ultime avessero ricevuto la comunicazione da parte dell'azienda che in quel giorno si sarebbe avuto finalmente l'esame congiunto con le parti della situazione aziendale: in tale comunicazione, si puntualizzava però che le RSA non avrebbero potuto in quanto tali partecipare al tavolo, avendo Confindustria nei giorni addietro, ricevuto comunicazione dai sindacati della revoca del loro mandato; tuttavia in questa stessa comunicazione si faceva presente che l'azienda si sarebbe comunque aperta ad ogni utile confronto con i lavoratori.

In virtù di quanto appreso, le RSA pur consapevoli della illegittimità della revoca, si recavano alla riunione del 29 giugno accompagnati anche da un lavoratore verso il quale nessuna diffida era stata fatta dal sindacato di appartenenza  , questo nel pieno rispetto del contenuto della comunicazione inviata da Telsey alle RSA. Ebbene, a quel tavolo veniva seccamente rifiutata la partecipazione sia delle RSA sia dello stesso lavoratore appena citato.

Ma, mentre  le r.s.a. di CGIL e CISL rappresentative di 14 lavoratori erano coattivamente tenute alla porta, e le rappresentanze provinciali di CGIL e CISL non partecipavano alla riunione, o meglio, per motivi difficilmente comprensibili, ritenenevano di defilarsi , il tavolo del 29 giugno comunque si teneva e vedeva la partecipazione dei seguenti soggetti: il rappresentante di Confindustria Mario Ferraro,  il legale della Telsey, nonchè  il segretario provinciale della UGL - spunta per magia dal cilindro un'altra sigla sindacale ! - ed il dipendente della Telsey Cavuoto Alessio nonchè responsabile di sede Telsey di San Giorgio del Sannio , nonchè r.s.a UGL !!! 

Cavuoto Alessio - per chi facesse fatica a comprendere l'illegale coup de théâtre -  a distanza di ben 4 mesi dall'inizio della vicenda, insieme ad altri due colleghi, ha pensato bene di ricorrere  in extremis all'escamotage di iscriversi al sindacato UGL e di costituirsi Rappresentante Sindacale Aziendale della UGL, a totale insaputa di tutti gli altri lavoratori della Telsey di San Giorgio del Sannio. (sic!)

Ma, le sorprese e i colpi di scena e batoste illegali , per i dipendenti Telsey licenziati,  non finiscono qui, perchè Cavuoto Alessio è anche quel signore che , fino alla repentina decisione di iscriversi al sindacato , aveva partecipato a tutti i tavoli tenutisi in Confindustria da ben quattro mesi, ma dalla parte opposta a quella dei lavoratori, ovvero come parte aziendale (sic!), pur essendo tra i dipendenti oggetto della manovra.

Cavuoto Alessio - e con ciò la misura è colma ed il quadro si chiarisce - è  anche uno dei tre soci fondatori della Alfadigit s.r.l., la società che è sorta ed ha sede legale negli stessi locali della Telsey che sono di proprietà della Provincia, molto prima che la vicenda Telsey volgesse al termine, anzi di buon'ora e proprio agli albori delle sceneggiate in tre atti della Telsey s.p.a.: annuncio di cessione del ramo d'azienda ad Alfa Digit di cui Telsey si rifiutava di svelare il nome ai lavoratori;  comunicazione il 24 maggio di ricorso alla Cassa Integrazione Straordinaria con contestuale intimazione ai lavoratori di sospensione dal lavoro e di divieto ad accedere ai locali aziendali ; infine , in data 11 giugno il licenziamento collettivo dei lavoratori .

Dunque, il 29 giugno si tenevano alla porta le r.s.a CISL e CGIL a causa della revoca strumentale e ad arte da parte dei relativi sindacati, si teneva alla porta il lavoratore Telsey che accompagnava le r.s.a., ma si aprivano le porte all'indefinibile e pluri-identitario "lavoratore e rappresentante Telsey" Alessio Cavuoto divenuto per magia r.s.a. ad hoc !

E' di palmare evidenza a questo punto che il 29 giugno si è consumata la ennesima messinscena  della Telsey con la collusione della neocostituita Alfa Digit s.r.l. che si è sostituita alle r.s.a della maggioranza dei dipendenti Telsey pur di siglare un accordo "sindacale" e secretare di fatto i bilanci aziendali della Telsey ai lavoratori.

Due o tre o plurimi piccioni con una  sola fava , nell'illlegalità più spavalda: tanto, basta dismettere un vestito ed indossarne un altro !

Tutto ciò è scandaloso e vergognoso e ci attendiamo efficaci e tempestive risposte dalla Magistratura!

L'intera procedura non è a norma di legge e va invalidato l'accordo in quanto il sindacato UGT ed il relativo r.s.a. ad hoc è un sindacato "di comodo", in contrasto insanabile con la norma  fondamentale dello Statuto dei Lavoratori , l'articolo 17, secondo cui i "sindacati accomodanti" non sono veri e propri sindacati e sono per giunta vietati !

La rappresentatività effettiva dei lavoratori della Telsey a questo tavolo sindacale è stata praticamente nulla.

Ma nononostante ciò, con una manovra di basso profilo morale ed illegale, è stata decisa la messa in mobilità di 14 lavoratori della Telsey: cioè, l'intera forza lavoro della Telsey Benevento (17 persone), con la sola eccezione di  tre persone, ovvero Alessio Cavuoto, Francesco Lauro e Luca Goglia, soci fondatori della Alfadigit s.r.l.

 Non senza un certo senso dell'umorismo, la lettera recapitata dalla Telsey ai lavoratori messi in mobilità sottolinea che tutto è avvenuto "di comune accordo con le parti sociali", là dove la parte sociale dei lavoratori è stata rappresentata al tavolo dalla stessa persona che nei tavoli precedenti rappresentava l'azienda !

Ad oggi, i lavoratori hanno difficoltà anche al rilascio del verbale di accordo stipulato a quest’ultimo tavolo, pur avendone fatto richiesta e pur essendone l'acquisizione un loro pieno diritto, e nonostante la lettera di messa in mobilità sia stata ricevuta il 12 luglio. I lavoratori hanno appreso l’esito dell’incontro del 29/06/2010 solo dalla lettera di licenziamento in cui frettolosamente si dice che si è concluso con un  accordo sindacale tra le parti . Annunciamo prossimi approfondimenti.

La Coordinatrice del Comitato Cittadini per la Trasparenza e la Democrazia

 

Rosanna Carpentieri

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...