San Giorgio del Sannio, anche la legge 241/90 è diventato un optional ?

San Giorgio del Sannio, anche la legge 241/90 è diventato un optional ?

Istanza di accesso agli atti relativi all'INCENDIO BARLETTA del 23 maggio 2009

Comunicazione dell'ARPAC al Comune di San Giorgio del Sannio avente come ovvio presupposto una nota del Comune acquisita al protocollo Arpac col n.5424 del 15/10/2009.

Seconda istanza di accesso agli atti per le finalità ed i compiti del Comitato Cittadini per la Trasparenza e la Democrazia.

Il termine legale di 30 giorni viene lasciato inutilmente decorrere. Così, decidiamo di diffidare il Comune in via di autotutela, inviando per conoscenza alle Direzioni Nazionali e Distrettuali antimafia assieme ad un corposo fascicolo.

In data 08 luglio 2010 mi vengono notificate due risibili risposte del Comune a firma dell'Architetto Mario Fusco,una nella veste di Responsabile U.T.C. (in relazione alla richiesta degli atti relativi alle modalità di spesa dei F.I.O dal 1982 sino al 1989 e la delibera di giunta concernente il fantomatico Centro Polifunzionale di Arte , Cultura e Spettacolo), un'altra nella veste di responsabile del servizio x,y,o zeta - non è dato sapere -(in relazione alla richiesta degli atti riguardanti la gestione dell'affaire incendio Barletta ed il subentro all'Arpac della Ditta Barletta - Responsabile dell'Inquinamento - nel monitoraggio ambientale post incendio del 23 maggio 2009,a seguito della conferenza dei servizi del 05 ottobre 2009.

Risposta del Comune con invito a riformulare richiesta (come? in vernacolo? ) al fine di non vanificare il lavoro di ricerca da parte dell'Ufficio con ripercussioni sul normale andamento del servizio (sic!).

Un'elegante formula per vanificare il diritto di accesso agli atti e alla trasparenza amministrativa, che denunceremo e tuteleremo in ogni sede.

 

 

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...