Sicilia, il movimento dei forconi.Ma i politici non dovevano essere “cacciati a calci in culo”?

24.01.2012 10:13

 

da liberainformazione
 
Modica, 19.01.2012 | di Enrica Frasca e Francesco Ragusa
 
Sicilia, dentro il movimento dei Forconi
 
Da 72 ore l'isola bloccata dalle proteste di autotrasportatori, agricoltori, pescatori e cittadini
 
Continua da oltre 72 ore il blocco della Sicilia organizzato dal movimento “Forza d'Urto” per assestare un segnale forte contro la classe politica, contro il caro carburante e per dare voce, ancora una volta, alla crisi che sta mettendo in ginocchio l'isola. Presidi sparsi tra le nove province con una forte presenza di autotrasportatori, agricoltori, pescatori e cittadini vari. A subire i disagi specie gli automobilisti costretti a subire code chilometriche nei punti nevralgici della rete stradale siciliana. Benzina esaurita quasi ovunque, i generi di prima necessità scarseggiano già in molte città. Una protesta sicuramente sentita, ma su cui sembrano piombare ombre e sospetti.
Numerose segnalazioni di minacce dei presidianti ai danni degli autotrasportatori “colpevoli” di non volersi fermare, sono centinaia (se non migliaia) i lavoratori costretti, per questa ragione, a sospendere il proprio lavoro. Eppure il movimento, nell'organizzazione della protesta, faceva riferimento solamente a dei fermi volontari. La stessa sorte è toccata ai commercianti di diverse località dell'isola la cui adesione alle agitazioni è stata coatta, pena vetrine rotte. Sospetti anche sulle infiltrazioni politiche all'interno di “Forza d'Urto”. E’ confermata da più parti la presenza di uomini di Forza Nuova all’interno del movimento, così come è verificabile da chiunque la “vicinanza” ai “Forconi” tramite dichiarazioni apparse in giro per la rete. Queste le parole di Roberto Fiore, segretario di Forza Nuova:
“La Rivolta in atto in Sicilia si allargherà ben presto a tutte le regioni del Sud Italia per divenire un fatto nazionale. O si sta dalla parte di Monti , della BCE, e della schiavitù bancaria o si sta dalla parte delle categorie, del popolo che non ce la fa più e che non vuole perdere la propria dignità. Inoltre, e’ necessario che venga attuato subito l’art 40 dello Statuto siciliano che prevede che il Banco di Sicilia emetta denaro unilateralmente per fronteggiare il crollo sociale in atto. Questa misura statutaria, oltre che la riduzione della benzina a 70 centesimi, e’ la mina sociale che Forza Nuova, a fianco di agricoltori e autotrasportatori, intende fare esplodere”
La stessa Forza Nuova, con una sua delegazione, ha sfilato nello scorso Dicembre alla testa di un corteo indetto dai “Forconi” a Catania.
E’ praticamente un dato di fatto che il movimento neofascista partecipi alle attività dei “Forconi” e di Forza d’Urto. E pare che uomini di Forza Nuova siano proprio tra gli organizzatori dei “moti siciliani”, dunque non solo una vicinanza formale. Nei presìdi è tangibile lo spirito di avversione a Lombardo. Si leva alta l’accusa di tradimento nei confronti del Presidente della Regione. “Ha raggirato i siciliani!”: il grido giunge proprio da soggetti che hanno indubbiamente sostenuto e portato al potere l’attuale Assemblea Regionale.
A capo dei "Forconi" troviamo Mariano Ferro, diventato il volto simbolo della protesta. Ferro vanta un passato, neppure troppo lontano, in Mpa. Nello scorso Giugno, da invitato, ha partecipato all'assemblea regionale dell'Mpa presso il Palaghiaccio di Catania. Ha esposto lì, davanti alla platea di delegati del partito autonomista, la sua richiesta di "concretezza" nei confronti di Raffaele Lombardo. E poi c’è Salvatore Bella, presidente dell’Associazione Italiana Autotrasportatori, confluita in “Forza d’Urto”. Un passato in Forza Italia, poi le varie liste civiche e infine la candidatura alle amministrative di Campobello di Licata proprio nelle file dell’MPA.
L’onorevole Pippo Gennuso, uomo di Lombardo, è stato visto girare tra i negozi di Rosolini chiedendo, in maniera più o meno gentile, di chiudere le saracinesche per aderire alla protesta. Lo stesso Gennuso, ripreso dalla telecamere di Canale 8, ha assunto le vesti di “capopopolo” improvvisando un comizio presso uno dei punti della protesta. Ma i politici non dovevano essere “cacciati a calci in culo”? (Riportiamo fedelmente il trattamento indicato da Mariano Ferro in caso di “infiltrazioni”). Il deputato rosolinese ha dichiarato che, se il governo regionale non ascolterà le ragioni della protesta, si incatenerà sulla linea ferroviaria di Rosolini. Infine, le dichiarazioni che Giuseppe Scarlata, fondatore nisseno del movimento dei Forconi, ha rilasciato a Linikiesta, sono la ciliegina sulla torta: “Se qualche anno fa il nemico numero uno era la mafia, adesso è lo Stato”, dove per Stato egli intende proprio la regione Sicilia. “Noi aspettiamo le decisioni di Lombardo, perché del governo nazionale ce ne infischiamo”, conclude, inneggiando quasi a “un’autonomia” desiderata a mai ottenuta.
C’è anche Grande Sud (di Miccichè) ad aver tenuto comizi, nella giornata di Lunedì, nei luoghi dei presidi. Anche per loro nessun “trattamento Ferro”.
Grande Sud, nel suo blog, ha speso parole di elogio per la protesta mentre Titti Bufardeci, esponente del partito, con le sue dichiarazioni è stato oggetto di una Adnkronos in cui ha dichiarato, nello specifico, di condividere ogni aspetto delle manifestazioni. Tra i leader della rivolta dei “Forconi” troviamo Martino Morsello, assessore a Marsala negli anni ’80 per il Psi. Candidato alle elezioni regionali del 2008 per una lista collegata a Raffaele Lombardo. Dietro di lui una complessa storia legata alla chiusura della sua azienda di prodotti ittici (vi rimandiamo a questa inchiesta di Marsala.it per conoscerla nei dettagli). Morsello il 28 maggio 2011 ha presenziato, in quanto relatore, al convegno organizzato da Forza Nuov a di Terni sull’usura bancaria. L’apertura del convegno è stata affidata alla figlia, Antonella. Antonella Morsello è una camerata convinta. Risulterebbe dipendente della stessa sezione di Terni dell’organizzazione neofascista. La sezione le dedica parole di elogio in questo post.
Morsello (padre) ha partecipato altresì al II Congresso nazionale del movimento, nel suo intervento ha dichiarato, qui l’audio (l’intervento di Morsello è selezionabile dalla colonna di destra, alle ore 17:49), che Forza Nuova è l’unico interlocutore politico dei “Forconi”: “Noi non partecipiamo ai convegni degli altri partiti, perchè sono quei partiti messi insieme, in questo momento particolare, pensando di spartirsi, come si dice in Sicilia, il porco, e continuare a dominare la scena politica. Il mio augurio è che con Forza Nuova si possa fare un passo avanti in questo sistema di politica corrotta”. Morsello non si ferma lì e incrocia la strada dei “Responsabili” di Scilipoti, divenendone responsabile nazionale del dipartimento agricoltura. Lo stesso, a Luglio 2011, rilascia a Marsala.it una dichiarazione a favore della finanziaria appena approvata dal governo Berlusconi
Nel “cda” di “Forza d'Urto” troviamo anche l'imprenditore friulano Maurizio Zamparini, uno tra i più ricchi del paese. Il vulcanico presidente del Palermo Calcio, non contento di cacciare allenatori a dismisura, ci riprova con i politici. Ha dato vita al “Movimento per la gente”, un po' la versione italiana degli estremisti e conservatori “Tea Party” americani della pasionaria Sarah Palin (candidata nel 2008 alla vicepresidenza degli Stati Uniti in ticket con Mc Cain). Il movimento zampariniano ha come obiettivo quello di fermare Equitalia che, unitamente alla burocrazia, attanaglia i cittadini. L'imprenditore, già da inizio Gennaio, ha dichiarato il suo endorsement (pare anche economico) alla causa dei “Forconi” di Mariano Ferro, partecipando ad un'affollata conferenza a Palermo.
Nell’agrigentino il “capopopolo” è Salvatore (detto Totò) Petrotto, ex sindaco di Racalmuto. Tre mandati e numerosi cambi di casacca all’attivo: dalla Rete di Leoluca Orlando, fino alla rottura con l’IdV. Poi l’avvicinamento all’MpA e le simpatie per il Partito del Sud di De Santis, leader dei movimenti autonomisti meridionali. Quando è stato eletto sindaco col favore del PD, stava già schiacciando l’occhio ad Angelino Alfano e a Silvio Berlusconi, con tanto di lettera aperta. Durante l’ultimo mandato ha chiesto l’intercessione di Scilipoti per assegnare a Berlusconi il premio “Per una Giustizia Giusta” intitolato a Leonardo Sciascia. Petrotto ha un curriculum di tutto rispetto, da vero “perseguitato” quale afferma di essere (ci ricorda per caso qualcuno?): più di una dozzina di indagini su di lui, da quel la per concussione (terminata con la riqualificazione del reato a induzione alla corruzione e la condanna dell’ex sindaco), a quella per droga; fino all’inchiesta per concorso esterno in associazione mafiosa, poi archiviata, che lo ha condotto alle dimissioni. Da bravo grillo quale è, lo Scilipoti nostrano ha indirizzato il suo ultimo salto verso la guida dei Forconi agrigentini. A guidare la rivolta iblea, tra gli altri, Geraldo Bertolone, segretario regionale dei Cristiano-Riformisti, l’area cattolica del PDL. Vanta una candidatura con Forza del Sud alle amministrative di Ragusa e la recente adesione al movimento “Territorio”. Ha da poco annunciato il suo sostegno alla candidatura di Mandarà (area PDL) a Santa Croce Camerina. Sostiene i “Forconi”, gli stessi che non vogliono avere nulla a che fare con i politicanti.
Qualcosa non quadra. L’apartiticità della protesta, praticamente giurata agli inizi delle agitazioni, si sta lentamente sgretolando. Peccato che molti dei manifestanti, che in questo freddo Gennaio presidiano le strade siciliane, siano ignari di tutto ciò. In lotta, con il cuore, per il futuro. Ma forse, alle spalle, strumentalizzati.
 
 
*************
 
v. anche:
 
Indignati e forconi siciliani (editoriale di Santo Della Volpe – 22/01/2012)
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...