Premio Marzani 2011. Non firmate il referendum-truffa di quel "grande innovatore della politica italiana" Antonio Di Pietro

10.09.2011 18:35

(In foto, Antonio Di Pietro ospite, nella dormiente e "mafiosa" San Giorgio del Sannio (BN), dell'altisonante Premio "giornalistico-letterario" Marzani 2011 e definito dalla c.d. e sedicente e premiata... informazione locale un "grande innovatore della politica italiana", sic !!!, assieme al neo sindaco di Napoli Luigi De Magistris ).

Sta girando in questi giorni su facebook un allettante messaggio che invita a firmare un referendum sulla legge elettorale che eliminerebbe il "porcellum".

Bene, nessuno vuole il porcellum,ormai anche l'ideatore Calderoli lo rinnega, quindi bene venga la sua abrogazione.

L'inghippo , per usare un eufemismo gentile, non sta nel fatto che il referendum (che, per la cronaca, non è affatto della società civile, ma è sponsorizzato da figuranti come Veltroni, Vendola e Di pietro) vuole cancellare il tanto vituperato porcellum, ma nel sistema elettorale che il referendum vorrebbe sostituire al suddetto porcellum.

Non tutti probabilmente si ricorderanno in cosa consiste il "mattarellum", cioè il sistema con cui andremmo alle elezioni nel caso in cui il referendum di Di Pietro & company raccogliesse il consenso della maggioranza degli italiani.

Il mattarellum, sistema vigente in Italia fino al 2001, non si discosta affatto dal porcellum:anch'esso è un sistema maggioritario, peraltro basato su collegi uninominali.

Cosa vuol dire?

Vuol dire che, esattamente come oggi, una forza politica che non ha la maggioranza nel paese, può avere una maggioranza in parlamento ! Ed ancora, basandosi su collegi uninominali, gli elettori NON avranno la possibilità di scegliere il candidato che preferiscono, esso invece sarà imposto, esattamente come oggi, dalle segreterie dei partiti (quando va bene,altrimenti direttamente dai poteri forti).

Ultima considerazione:

Perchè Veltroni, Vendola e Di Pietro hanno dato vita a questa truffa colossale ?

Perchè qualche mese fa un gruppo di costituzionalisti , capeggiati da Passigli e da Ferrara, aveva ideato dei quesiti referendari che avrebbero riportato in vita il sistema proporzionale (cioè, un partito prende il 7% ? Avrà allora il 7% dei parlamentari, con la possibilità di esprimere una preferenza per questo o quel candidato).

Evidentemente questo non era accettabile, ed i grandi strateghi del centrosinistra, o, se preferite, i grandi innovatori della politica italiana , secondo la servile stampa beneventana,  per creare confusione e far fallire il referendum per il proporzionale hanno deciso di farne un altro !

 

ATTENZIONE

Il referendum Passigli (quello per il proporzionale) può essere ancora sottoscritto,fino al 15 Settembre, nel proprio comune. 

Per quanto le leggi elettorali non risolvano granchè, il "referendum Passigli" (boicottato da tutti, e che il PD aveva chiesto fosse ritirato, nascosto da Repubblica, Il Fatto e IDV), crea condizioni decenti.

Il referendum dell'IDV è invece una truffa colossale e deve essere gettato a mare.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...