NO TAV : la violenza contro la ragione dei manifestanti

01.03.2012 19:28

Ieri sera la manifestazione pacifica ma determinata dei notav a Bussoleno è stata repressa con la vioenza. Idranti, lacrimogeni (ad altezza uomo ... quasi scontato dirlo) e cariche violente supportate da manganelli, scudi, caschi e maschere antigas hanno avuto la meglio su chi voleva fermarli alzando le braccia. Lo sgombero è stato seguito da una caccia all'uomo fino dentro le case, atti di vandalismo sulle macchine dei manifestanti, posti di blocco ovunque anche nelle strade per rientarare a Torino per identificare e fare paura ai manifestanti.
Nuovamente di fronte alla forza delle ragioni si è scatenata la forza della violenza....
Impossibile opporsi a uno schieramento così imponente e armato i blocchi sulla A32 e sulle statali sono stati (temporaneamente?) rimossi ma la determinazione dei NoTAV vincerà.
Oggi i media spargono a piene mani bugie e distorsioni dei fatti....

VI INVITO a guardare i video seguendo i link quì sotto, a leggere ed ascoltare i resoconti di coloro che ieri erano al blocco e a DIFFONDERE ovunque, con ogni mezzo le informazioni e le immagini che i nostri media oscurano ... A prescidnere dalle vostre posizioni sul progetto dell'Alta Velocità. Di fronte ad uno Stato che sa usare solo la violenza, che risponde ad ogni richiesta di dialogo con i manganelli, che per far intascare soldi a politici e ditte colluse con la 'ngrangheta è pronto ad occupare militarmente una valle e reprimere la popolazione le ragioni di chi si uppone vanno motlo oltre il probelma del treno ad alta velocità. Anche al protesta deve andar emolto oltre i confini dellla ValSusa...
Oggi alle 18 si prevedono nuovi blocchi e manifestazioni non solo in valdisusa.
Per rimanere aggiornati potete ascoltare le dirette su RadioBlackOut- 105.250




Aggiornamenti situazione Clarea e Valsusa

Appoggio popolare all'appello dei 360 docenti e tecnici: FIRMA QUI

  • mantenuti i blocchi su strade ed A32 per tutta la notte con momenti di tensione
  • le solite mani mafiose hanno incendiato 3 auto di attivisti NO-TAV, distrutte, un capannone-deposito di pellet ed il telone di un TIR bloccato in coda: evidente l'intento e chiara la firma, la stessa che in passato ha segnato i roghi dei presidi NO-TAV e camion Italcoge/Martina (ecco i dettagli , dal sito lavallecheresiste)
  • convocato alle 12 l'incontro tra il prefetto ed i sindaci
  • dall'incontro istituzionale i sindaci non ottengono risposte soddisfacenti: nullaltro che un impegno del prefetto a cercare di combinare un incontro col governo, "che non potrà comunque trattare l'inevitabile realizzazione dell'opera"; dunque non vogliono fermare i lavori
  • tensione con alcuni giornalisti al presidio presso l'A32; i media hanno montato un caso intorno ad un episodio di relativa aggressività verbale di un ragazzo verso un carabiniere
  • occupata brevemente la stazione FS di Bussoleno: ritardato il passaggio di un TGV

da www.notav.eu

Ho visionato poco fa da web le immagini di questa notte. Ricevuto ieri sera telefonate di amici e compagni sotto sgombero che
mi chiamavano per aggiornarmi sulla situazione tra Vernetto e Bussoleno. Ascoltato in diretta telefonica il battere dei manganelli sugli scudi degli sbirri che caricavano i compagni. Con rammarico, indignazione e rabbia vedo che lo stato fascista
cui siamo sottoposti, non si ferma e continua con violenza a voler piegare una protesta popolare che ormai alimenta i focolai nati in tutta Italia da diversi mesi a favore del No Tav e non vuole arrendersi.
La Val Susa non abbasserà la testa di fronte a tutto questo.
L'Italia intera da Palermo a Trento, non arretrerà di un solo passo. Tutti noi resisteremo un minuto in più di loro.
Giornalisti e operatori tv fanno a gara nella volgarità dei loro pezzi scritti su testate che continuano imperterrite ad fare da serve di uno stato dove il diritto è pura utopia. Siamo non solo all'assurdo, siamo al grottesco.
Luca lunedì è caduto folgorato da oltre 10 metri di altezza e le ruspe della mafia in Clarea non si sono fermate neppure davanti alla tragedia di una vita umana.
Questa notte le persone venivano manganellate, inseguite anche dentro i locali pubblici e poi etichettano noi come violenti.
I VIOLENTI SIETE VOI, siete voi uomini di potere che impartite ordini alle forze del disordine utilizzate come braccio armato a difesa degli sporchi interessi di stato, siete voi giornalisti che non siete capaci di fare il lavoro che dovrebbe portare la giusta informazione nelle case della gente, siete voi mistificatori delle realtà evidenti che girate sempre a favore dei soliti noti.
BASTA! ABBIAMO DETTO BASTA DA TEMPO E CONTINUEREMO A RESISTERE DAVANTI AD OGNI VOSTRA VIOLENZA, AD OGNI ARROGANZA!
In ogni modo, a volto scoperto e a mani nude, senza avere i caschi, i manganelli e gli scudi che proteggono le forze del disordine, impediremo a questo stato di ladri di mettersi in tasca milioni di euro per fare un buco nella montagna, VOGLIAMO CHE I SOLDI PUBBLICI, I NOSTRI SOLDI, VENGANO USATI PER OSPEDALI, SCUOLE E QUANTO SERVE ALLA COMUNITA'!
 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...