Mail bombing alle istituzioni contro l'attacco in Val di Susa.

02.07.2011 18:43

PER INVIARE EMAIL ALLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA - Giorgio Napolitano compilare questo form -->>https://servizi.quirinale.it/webmail/

►PER INVIARE EMAIL A FASSINO E MINISTERI: Sindaco@cert.comune.torino.it, ufficiocomunicazione@interno.it, segreteriaufficiostampa@interno.it, segr.ufficiostampa@minambiente.it , info@politichecomunitarie.it, uff.stampa@politichecomunitarie.it, spi@gabmin.difesa.it, df.comunicazione@finanze.it, ufficiostampa@sanita.it, urpminsalute@sanita.it, urp@beniculturali.it, ufficiostampa@beniculturali.it,

►PER INVIARE EMAIL AI MEDIA:
a.armentano@rai.it, a.cillis@repubblica.it, a.dinicola@repubblica.it,

a.ferri@rai.it, a.ferrucci@ilfattoquotidiano.it, a.gilioli@espressoedit.it, a.schiaffini@rai.it, ab.hallberg@ rai.it, abalistri@corriere.it, acapponi@rcs.it,
agenzia@asca.it, alessandra.spinelli@ilmessaggero.it, alessandro.taballione@skytv.it, barbara.tedaldi@agi.it, bartocci@ilmanifesto.it, cdegregorio@unita.it, cronaca@lastampa.it, cvoltattorni@corriere.it, debiasio@radiopopolare.it, espresso@espressoedit.it, federica.iannetti@adnkronos.com, giorgia.finesi.news@skytv.it, interni@apcom.it, lettere@unita.it, m.giannini@repubblica.it, martini@radioradicale.it,
radiopop@radiopopolare.it, redazione@micromega.net, redazioneweb@ilfattoquotidiano.it, repubblicawww@repubblica.it, serviz io.regioni@adnkronos.com , simonetta.dipillo@mediaset.it, tg3net@rai.it, unitaonline@unita.it,redazione@articolo21.info


(io ho messo tutti in copia nascosta, cioè CCN o BBC)

===

OGGETTO: Presidio NOTAV Chiomonte


In qualità di cittadino italiano, Le chiedo di leggere quanto da me appreso attraverso la rete, in merito agli scontri di oggi a Chiomonte.

In questo periodo la protesta NOTAV, movimento esistente da ben 22 anni in difesa della Val di Susa, è concentrata a Chiomonte, luogo dove entro il 30 giugno prossimo, il cantiere per la linea Torino-Lione deve essere aperto ed attivo.

Fin dai primi di maggio è stato istituito il presidio permanente alla Maddalena di Chiomonte, presidio che questa notte alle 4.50 è stato letteralmente attaccato dalle forze dell'ordine che hanno utilizzato contro la gente idranti e gas lacrimogeni lanciati ad altezza uomo!
Le forze dell'ordine, facilitate dall'uso indiscriminato di idranti ed una quantità esagerata di lacrimogeni, inclusi quelli "a grappolo" al peperoncino, hanno potuto procedere distruggendo le barricate, non curandosi affatto se vi fossero persone o meno.

Al momento in cui qualcuno del movimento NOTAV ha iniziato a gridare "indietreggiamo" sono partite le cariche e le manganellate....le persone rifugiatesi in infermeria per essere medicate sono state raggiunte e colpite! Sono stati lanciati altri lacrimogeni persino dentro le tende del presidio, costringendo le persone a rifugiarsi tra le montagne, dove comunque è proseguita una vera caccia all'uomo.

Non è la prima volta che le Autorità effettuano blitz di questo tipo contro liberi cittadini del movimento NOTAV.

Le chiedo quindi, essendo, fino a prova contraria, in uno Stato con una Repubblica Democratica, che:

- questi metodi di guerriglia e di violenza gratuita, non vengano mai più utilizzati contro liberi cittadini che, per manifestare le proprie ragioni, adottano metodi di resistenza NON violenta.

- il progetto per la Tav Torino-Lione venga immediatamente abbandonato in quanto inutile, costoso e dannoso per l'ambiente e la salute degli abitanti Valsusini. Un progetto che comporta la distruzione di un'intera valle, con dei costi esorbitanti, che ben superano le esigenze della linea stessa, non può essere considerato il futuro.

- i media, le testate giornalistiche, riportino esattamente la situazione in Val di Susa, senza illazioni, false accuse di violenza, senza dichiarazioni tendenziose atte solo a favoreggiare il Governo ed i partiti che continuano a sostenere il progetto.

In fede

NOME E COGNOME 

 

Pubblichiamo anche la breve nota di solidarietà dell'associazione Pro Natura.

Pro Natura, che aveva alcuni suoi rappresentanti al presidio de La Maddalena, esprime profonda indignazione per il comportamento della polizia, che ha ripetuto la vicenda di Venaus del 2005.

Speravamo che gli inviti alla moderazione, firmati anche da esponenti della cultura e dell'impegno sociale, oltre che da migliaia di cittadini, avrebbero indotto al buon senso. Ma così non è stato.
Crediamo ci si debba vergognare di uno Stato che non si ferma di fronte a gente pacifica, donne e anziani, con un solo torto: difendere, oltre alla propria terra, l'interesse di tutta una nazione, disinformata su un colossale spreco di denaro pubblico e di attentato a all'ambiiente della Val Susa già ora gravemente compromesso.
La vergogna va anche nei confronti di quei partiti che hanno invocato l'impiego della forza e hanno contribuito a esasperare gli animi.
Continueremo la nostra lotta per l'informazione, convinti che quest'opera non s'ha da fare.
Emilio Delmastro
 
Nota: autorizziamo la massima diffusione di questa nostra presa di posizione.
 
Pro Natura Torino
Via Pastrengo 13
10128 Torino
Tel. 011.5096618
Fax 011.503155
Sito:
https://torino.pro-natura.it
e-mail: torino@pro-natura.it

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...