Isernia. Castiello di nuovo indagato, accanto al sindaco Melogli

07.04.2012 11:37

 

Il dirigente del comune pentro finisce di nuovo nelle maglie della giustizia, questa volta con l’accusa di falso ideologico, a renderlo noto un comunicato del partito dei lavoratori di Isernia.
 
"E’ di nuovo imputato di reato, il tale Castiello Giulio, ribattezzato come “il generale Kornilov” per la satira, atteso l’accanimento con cui costui insultava sui media, noi e gli altri oppositori alla casta borghese che malgoverna il comune di Isernia, nella sua “qualità” di dirigente comandante della Polizia Urbana nominato (senza concorso, intuitu personae) dall’altro suo sodale, quello messo a fare il sindaco di Isernia dal PDL (Cetto la Melogli per la satira).
 
Questa volta il Castiello è imputato del reato di falso ideologico ex art.479 c.p., (v. udienza del 5 luglio 2012 proc. 1367/2010) unitamente ai suoi due sodali agenti della Polizia Urbana in concorso, commesso al fine di danneggiare un lavoratore comunale (Feliciantonio Di Schiavi) da noi difeso da sempre, rispetto ad attività che abbiamo ritenuto vessatorie e mobbizzanti, consequenziali all’aver rilevato degli abusi commessi in danno della collettività. E’ la stessa difesa che abbiamo fatto per un’altra dipendente del Comune di Isernia e per un’altra del Comune di Monteroduni (la lavoratrice Michela Foglietta). 
C’è un filo comune che lega queste storie di abusi di poteri pubblici, verso i dipendenti “scomodi”. 
 
Tale imputazione di reato, invero, si aggiunge alle precedenti già note; ma a prescindere da quelli che saranno gli esiti giudiziari dell’ennesimo misfatto imputato al Castiello, al vaglio dell’autorità giudiziaria, ci chiediamo: quali sono i criteri che deve avere un soggetto per essere meritoriamente e più volte nominato quale dirigente comunale senza concorso, secondo taluni ? 
 
Più sono i reati di abuso del potere pubblico di cui uno è imputato più “fa punteggio positivo” ? Infine: non verrà di nuovo in testa al sindaco ed alla giunta comunale di caricare sulle casse comunali le spese legali dell’imputato Castiello e sodali? 
 
In merito stiamo attendendo ancora la risposta del sindaco di Isernia circa le somme comunali pagate in favore del membro giuntale tale Scuncio Antonio ed altri, per “rimborso spese legali” afferenti a procedimenti penali -dunque personali- in cui essi erano indagati (anche su tale questione pende inchiesta erariale e penale)."
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...