Edificio ex Poste di San Giorgio del Sannio, "vogliamo conoscere gli atti relativi alla costruzione e alla demolizione"

27.09.2011 16:36

SAN GIORGIO DEL SANNIO. LA NOTA DEL COMITATO CITTADINI PER LA TRASPARENZA E LA DEMOCRAZIA

Edificio ex Poste, "vogliamo conoscere gli atti "

“Ma si può essere incompetenti fino a questo punto? E giocare con la salute pubblica e l'ambiente ? Conoscete il principio di precauzione ? Ma quale tecnico e amministratore comunale ha disposto, assumendosene ogni responsabilità, l'abbattimento di una struttura in cui è verosimilmente presente amianto, come da denuncia del gruppo di opposizione consiliare Nuova San Giorgio e da dichiarazioni informali, acquisite nell'immediatezza, di personale dell'Arpac e dell'A.S.L., senza incaricare una ditta specializzata nello smaltimento di rifiuti speciali?”: s'abbatte la critica feroce del Comitato Cittadini per la Trasparenza e la Legalità, con le parole della coordinatrice Rosanna Carpentieri, sulla storia dell'edificio ex Poste di San Giorgio del Sannio.

“Con quale criterio normativo – prosegue la Carpentieri - e quale gara di evidenza pubblica è stato conferito l'incarico di dispersione eventuale del micidiale asbesto ad una ditta, prescelta senza i necessari requisiti?

I cittadini alla luce di tutto ciò chiedono ai sensi della legge n. 241/90 il rilascio di copia integrale dei seguenti atti:

  • pratica edilizia inerente la costruzione dell'edificio aperto al pubblico da parte di Poste Italiane s.p.a., comprensiva di tutti gli allegati;
  • rapporti tecnico - scientifici di sopralluogo e di prova dell'Agenzia Regionale Protezione Ambientale inviati all'Ente nel 2002, nel 2004 e in anni successivi, attestanti la presenza di amianto particolarmente nella pensilina e nelle tubature dell'immobile ;
  • delibera di giunta o altro atto provvedimentale con cui è stato conferito l'incarico di demolizione della struttura ad una ditta non specializzata  nella rimozione e nello smaltimento di rifiuti tossici speciali .

Contestualmente si richiede di sapere con comunicazione tempestiva  in forma scritta da inoltrare alla coordinatrice del comitato civico :

  • le motivazioni a causa delle quali il cantiere non è stato neppure opportunamente allestito in vista della demolizione e non è stata osservata l'esposizione della cartellonistica di cantiere con tutte  le indicazioni obbligatorie per legge (comittente, ditta, inizio e fine lavori, etc.) ;
  • le motivazioni per cui il sito potenzialmente pericoloso non è stato interdetto al pubblico e/o non si è data pubblicità sul sito stesso alla interdizione per il pericolo asbesto con cartelloni recanti la dicitura: "pericolo amianto";
  • le motivazioni  per cui sul sito, malgrado l'attuale sospensione dei lavori, non vi è ancora traccia dei provvedimenti dell'autorità di polizia o dell'autorità giudiziaria, con cui è stata il 22.09.2011 ordinata la immediata sospensione della pericolosa demolizione”.



 

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...