Convegno Fondazione Roma 11/11/11 Può l'Italia uscire dall'euro?

19.11.2011 09:43

La fondazione Roma ha promosso l'11 novembre scorso un convegno dal titolo: Può l'Italia uscire dall'Euro?

Il convegno in oggetto è stato il primo in Italia a rompere il taboo sull'argomento e ne sono scaturite posizioni molto interessanti.

Siamo lieti di pubblicare la relazione del relatore , l'economista Dott. Antonio Maria Rinaldi per gentile concessione dell'Autore.

Rosanna Carpentieri

 

"Un ringraziamento alla  Fondazione Roma  nella persona del suo Presidente, Prof. Emmanuele Emanuele, perché ha avuto il 
coraggio di promuovere un così prestigioso  Convegno con un tema così forte, rompendo per la prima volta un tabù. 
    L’ubriacatura, la grande sbornia europea è passata, è possibile parlare senza preconcetti e liberamente con l’esperienza sul 
campo dopo 10 anni di convivenza con la moneta unica anche alla luce di tutto quello che stà avvenendo da questa estate. Da 
qualche mese ci siamo accorti del lato oscuro della moneta unica, anzi è il caso di dire del rovescio della medaglia, quello che non 
avevamo ancora capito, o più realisticamente quello che sarebbe un giorno inevitabilmente accaduto.
Siamo passati da uno stato di euro-euforia ad uno di euro-sconforto. 
    Può l’Italia uscire dall’euro?  Per poter tentare di dare una risposta, consentitemi alcune considerazioni preventive. Sono un 
europeista convinto, ho sempre creduto nel grande progetto di integrazione come l’unica via percorribile, però devo dire con la 
stessa sincerità che sono estremamente deluso, come credo la maggioranza dei presenti, per come sono poi andate le cose.  
    Perché vedete, la moneta unica era un’idea meravigliosa, geniale, coraggiosa,  ma che è stata gestita nel peggiore dei 
modi possibile nella sua costruzione e nella sua realizzazione,  per non parlare poi di come noi italiani vi abbiamo aderito.
Peggio di così non sarebbe stato possibile.
    Ormai si può dire apertamente: al momento dell’adesione abbiamo accettato tutte le imposizioni franco-tedesche, ed in 
particolare sottolineo le tedesche, in modo supino, senza alcuna possibilità di negoziazione, legando il nostro paese mani e piedi 
a regole ed a meccanismi capestro. 
    E chi controbatte che saremo dovuti entrare e a tutti i costi, non si rende conto che i nodi sarebbero un giorno arrivati in ogni 
caso al pettine e con interessi altissimi per aver accettato quelle condizioni, e non si rende neanche conto che senza la  nostra 
partecipazione,  il disegno di dotare l’Europa di un’unica moneta sarebbe rimasto incompleto, e che quindi avremo 
potuto avere più di un argomento per farci sentire e  soprattutto rispettare.  
    Chi afferma che oggi con la lira saremo senz’altro peggio dopo  il default della Grecia, non comprende che il vero problema è che 
proprio la Grecia non doveva assolutamente entrare nell’Euro. 
Chi sono stati quei pazzi scellerati che hanno permesso la sua adesione sin dall’inizio? 
    Ci siamo ritrovati dalla sera alla mattina in tasca una moneta fortissima ma con  poco potere d’acquisto, mentre prima 
avevamo, è vero una  moneta debolissima, ma con un  potere d’acquisto formidabile! E’ inutile che i vari rapporti e statistiche 
ufficiali ci vogliano convincere che negli ultimi 10  anni il potere d’acquisto reale delle famiglie  è stato eroso solo  del 7%. Il 
potere d’acquisto percepito dalle tasche dei cittadini  è almeno diminuito di un buon 50% con l’ormai triste rapporto  1 euro, 
1000 lire. Chi afferma il contrario non è mai andato in un mercato a comprare neanche un chilo di zucchine! 
    Abbiamo purtroppo capito troppo tardi che l’Euro è risultato essere più uno  strumento di laboratorio, concepito in qualche 
stanza della  Bundesbank, una sorta di prodotto  transgenico, geneticamente modificato, ideale per fungere da volano a pure operazioni finanziarie e favorire aggregazioni societarie, che come mezzo a supporto dell’economia reale ed alle effettive 
esigenze di 330 milioni di cittadini europei.  
    Ci siamo anche accorti troppo tardi che la moneta unica doveva essere il complemento finale ad una effettiva integrazione, e 
non il mezzo per poterla raggiungere. Un po’ come quando si mette la ciliegina sulla torta, si mette sempre alla fine. 
    A più di vent’anni dal progetto di aggregazione monetaria ancora non c’è nulla di integrato in quest’Europa. Sistemi fiscali,
amministrativi, e  soprattutto politici  ancora troppo distanti, legati solamente da una moneta che chiamiamo Euro, ma che in 
effetti è il marco a tutti gli effetti, e governato come se lo fosse.    
Abbiamo fatto sacrifici per poter avere un giorno una moneta che ci riscattasse e ci mettesse al riparo dai nostri atavici problemi, 
dall’inflazione,  dalla svalutazione,  che imbrigliassedefinitivamente il nostro debito pubblico, dalle crisi finanziarie 
e soprattutto che fosse finalmente da  stimolo per effettuare quelle tanto auspicate riforme in ogni campo, ma che mai 
nessuno era riuscito a realizzare. Ci abbiamo fermamente creduto. 
   Tutto questo però non è assolutamente avvenuto.
L’inflazione è tornata alta, i tassi sono ritornati quelli ai tempi della lira, il debito pubblico è continuato a salire e di riforme 
neanche l’odore! Ed in più le uniche armi che avevamo a nostra disposizione,  la possibilità di manovrare il  tasso di cambio  e 
aumentare la nostra base monetaria, cioè di stampare moneta, ci è preclusa, visto che dal 1 gennaio 1999 viviamo in regime di 
cambio fisso irrevocabile e la massa monetaria viene decisa esclusivamente dalla  B.C.E.  a porte chiuse. I vantaggi tanto 
promessi e sperati sono svaniti nell’arco di questi ultimi mesi. Ci sentiamo tutti più poveri, ma soprattutto senza una speranza 
futura per noi e per i nostri figli.  
    Chi ci ha legato a questi meccanismi  non ha mai preso in considerazione che ci saremo esposti anche ad enormi rischi e 
ci saremo consegnati completamente ad altrui voleri? 
    Pensavano forse ingenuamente che se ci fossimo  attaccati  al grande carro europeo condotto da un vetturino tedesco e a un 
palafreniere francese,  avremmo risolto per incanto i nostri problemi? Sia chiaro che di  colpe  ne abbiamo anche noi, ma la 
responsabilità maggiore  nel vedere lo scempio irrazionale di questi giorni sui nostri titoli, è di Berlino.  
    Della loro incapacità a gestire i problemi finanziari dei paesi in difficoltà ad iniziare dalla Grecia. Noi gli impegni li abbiamo 
sempre onorati,  è il caso di dirlo, sempre fino all’ultima lira! E non si capisce come mai il mondo all’improvviso si è accorto 
che abbiamo un debito di  1899,5Mld di euro pari al  118,6% del PIL da almeno un anno. Anzi siamo gli unici ad avere un avanzo 
primario, cioè al netto degli interessi spendiamo meno di quanto incassiamo! Misteri della finanza globalizzata! Si sono accorti all’improvviso  che se cade  l’Italia cade il Mondo, ma vorrei sapere perché quando si trattava di prendere le decisioni sulla testa 
di tutti neanche ci hanno mai consultato, non contavamo niente.  
     Nessuno ha capito a suo tempo che la moneta unica nacque da un accordo,  lo chiamerei più  un baratto, frà la Francia di 
Mitterand e la Germania di Kohl per il nulla osta  francese alla riunificazione dopo la  caduta del Muro. Il marco stava alla 
Germania come la bomba atomica nell’armamento francese. Ed hanno sempre continuato a decidere sulla base di quell’accordo. 
    Il  Trattato di Maastricht è la certificazione, la risultante di quel patto. Regole a senso unico, disastrose ed impraticabili per 
gran parte degli altri paesi costretti di fatto ad aderire pur di non morire, con strutture economiche con  DNA profondamente 
diverse da quelle tedesche e francesi.  
    Piccola ed amara curiosità: durante, chiamiamoli così,  regni di Mitterand e di Kohl (con staffetta Chirac dal 1995), noi italiani 
siamo stati guidati, si fa per dire, da ben  17 capi di governo e dalla confusione delle maggioranze variabili di 6 legislature. 
     Forse è stato anche per questo che ci hanno sempre considerato inaffidabili da non poter mai entrate nella stanza dei 
bottoni.  
    Eppure siamo da sempre la terza economia europea con quasi un quinto dell’intero PIL totale, e la seconda impresa 
manifatturiera dopo la Germania. La Germania esporta più in Italia che in Cina! Non capiscono che senza di noi perirebbero 
anche loro. 
    Quindi se questo benedetto euro non funziona come dovrebbe, sul banco degli imputati, bisogna metterci a pieno titolo il 
Trattato di Maastricht, scritto dal  direttorio ormai palese franco-tedesco, che ha tenuto conto solo di parametri e numeri 
a loro storicamente favorevoli. E soprattutto l’intransigente Germania non ha mai  rinunciato alla sua politica monetaria, 
tesa esclusivamente al contenimento dell’inflazione, con metodi e strumenti che oserei chiamarli ormai da  economia jurassica, 
come il tenere i  tassi reali alti e ad un ossessivo controllo della base monetaria.      
Cari Signori economisti tedeschi, lasciatevi alle spalle i ricordi della Repubblica di Weimar,  e la cieca presunzione di esportare 
oltre i vostri confini  questo modello economico, perchè ha provocato solo disastri che ben presto si ritorceranno anche 
contro di voi! Volete sapere perché? Ve lo dimostro. L’impianto su cui regge tutta la costruzione ed il mantenimento della 
coesione monetaria, si basa solo ed esclusivamente sui parametri espressi dal debito pubblico e dal Prodotto interno Lordo.  
    Il  Pil ormai non è più da tanto considerato un indicatore dell’effettivo stato di salute di un paese, e finalmente l’ISTAT e il 
CNEL  stanno elaborando indici che esprimono anche il benessere equo e sostenibile.  
    Senza considerare poi che esiste anche un buon  20% di Pil italiano sommerso e quindi non evidenziato dai numeri ufficiali. 
Anche perché se fosse alla  luce del sole, oltre ad alimentare introiti fiscali  più cospicui che si tradurrebbero in una 
diminuzione delle aliquote per tutti, il famoso rapporto debito pubblico/PIL scenderebbe dall’attuale 118,6% a meno del 99%. 
    Per quanto riguarda il capitolo debito pubblico il discorso è ancora più complesso. 
    Per prima cosa il debito pubblico per Maastricht e successivo Patto di Stabilità e Crescita, significa solo la  somma dei 
deficit accumulati, ma non la situazione debitoria aggregata e reale dell’intero paese. Cosa vuol dire? Vuol dire 
semplicemente che per i tecnici di Maastricht un paese come l’Olanda è da considerare un paese frà i più virtuosi, visto che il 
famoso rapporto debito pubblico Pil è vicino al 60% (63%) cioè rientra nei binari del Trattato, ma se aggiungiamo anche il debito 
detenuto dalle  imprese pari a 96% del Pil ed a quello delle famiglie pari al 74%, questo rapporto aggregato sale ad un più 
realistico   233%. Se si continua in questo esercizio di riclassificazione, ci accorgiamo che l’Irlanda conquista il primo 
posto assoluto con un  316%, (96+133+87) eppure sempre per Maastricht non è così drammatico come quello italiano o greco. 
Ed ancora la  Germania sfora il  190%, sommando 83+47+60, l’Italia arriverebbe al  221% con 118,6+71+32 scendendo dal secondo posto attuale, al  settimo.  La  Francia  al  184%, 82+52+50. Della Grecia posso dire che il debito delle imprese è 
del 40% e quello delle famiglie del 41%, ma non saprei indicare  quello effettivo del debito pubblico! (Dati elaborati da Standard 
& Poor’s). 
    Quindi il problema numero uno per Maastricht risiede solo ed unicamente dall’entità dei debiti pubblici e basta, come se i 
debiti delle imprese e delle  famiglie non fossero un altrettanto enorme problema, visto che gravano essenzialmente sul sistema 
bancario, il quale abbiamo visto poi essere sempre prontamente supportato con rapidi e generosissimi, ed a volte silenziosi, aiuti 
statali.
    Non ci hanno pensato i tecnici di Maastricht a questa più che ovvia, equa e realistica  visione o ha fatto comodo a qualcuno 
queste dimenticanze? Ma soprattutto è possibile che nessuno dei nostri rappresentanti si è rovinato i pugni sul tavolo per farlo 
mai presente all’atto della stesura? Stiamo subendo sulla nostra pelle e soprattutto a discapito delle nostre tasche la 
sommatoria di questi paradossi insiti nel Trattato. 
    Attualmente il  Patto di Stabilità  è rispettato solo dalla Finlandia,  Estonia  e  Lussemburgo e dai paesi ancora non 
eurodotati come  Danimarca e  Svezia, che mi risultano non essere mai stati  euroforici!  E’ stata concepita per questi paesi 
l’Europa che volevamo costruire?  
    Altro elemento incomprensibile del Trattato stesso risiede nel fatto che ognuno deve gestire in proprio il debito pubblico, ma 
con politiche monetarie dettate esclusivamente e solo  dalla B.C.E.  Ora visto che il  Trattato individua nel  60%  il limite 
massimo tollerabile del rapporto debito pubblico/Pil,  sarebbe stato più logico, più credibile, che i titoli dei debiti pubblici fino al 
concorso  per l’appunto del  60%  in relazione al  proprio Pil,fossero stati  solidali,  cioè garantiti da tutti i paesi membri. Una 
sorta di Eurobond iniziale, titoli con un bollino blù di garanzia europea, uno  zoccolo comune di debito pubblico, mentre 
l’eccedenza  oltre il  60% di ciascun stato, sarebbe stato gestito autonomamente con precise e rigide regole. Certo da questa decisione ne avrebbero tutti tratto un vantaggio in termini di tassi più bassi, tranne naturalmente un solo paese: la  Germania, 
ritrovandosi a garantire in solido un montetitoli a tassi medi più alti dei propri. Sarebbe stato un messaggio fortissimo al mondo 
ed ai mercati finanziari  sulla solidità e credibilità del progetto europeo. E non ognuno per se e Dio per tutti come ora avviene, 
anche perché il risultato di questa mancata realizzazione è la creazione tardiva di strumenti come i vari Fondi Salva Stati, i 
cui esiti e costi sono ora molto più onerosi ed incerti rispetto all’ipotesi sopra esposta. 
    Lo stesso  Trattato poi  genera un meccanismo perverso, altro che circolo virtuoso tanto sbandierato, poiché non appena 
la crescita rallenta, se non addirittura negativa come stà avvenendo da qualche anno, gli Stati sono costretti a mantenere 
comunque alta  l’imposizione fiscale per contenere il debito pubblico, tale da soddisfare i parametri del Trattato. Ma 
mantenere alta questa imposizione contribuisce però ancora di più a deprimere la crescita non potendo frà l’altro adottare sgravi 
ed incentivi. Il meccanismo  adottato da  Maastricht diventa pertanto un  capestro, una palla al piede,  un amplificatore in 
negativo.  
    Poi per rimanere in  tema di debito, siamo sicuri che tutti i paesi aderenti siano ligi nel redigerli, secondo i dettami dell’ESA 
95? L’European System Accounts,  ovvero in italiano  il SEC 95, Sistema Europeo dei Conti,  in parole povere il 
Regolamento comunitario per l’uniformità nella redazione dei conti nazionali e regionali?  
    Perché ad esempio, sempre i nostri  amici tedeschi, interpretano sul  filo dei regolamenti  alcune cospicue voci delle 
loro passività con decisioni del tutto proprie. Quest’anno già hanno dovuto riclassificare, incalzati da Eurostat, molte di queste 
passività inserendo ben 319 Mld in un sol colpo, portando l’entità del debito pubblico a  2080 Mld  pari  all’83,2%  del debito 
pubblico/Pil.  
   Ma il bello ancora non ve l’ho detto, in quanto sempre i nostri amici tedeschi sono riusciti ancora a non inserire le passività della loro  Cassa Depositi e Prestiti, il Kreditanstalt fur Wiederaufbau (KfW)  nelle passività del debito pubblico, per cavilli d’interpretativi. Sono la bellezza di  428  Mld di euro e porterebbero il rapporto del deficit della virtuosissima Germania al 100,32%! Bravi tedeschi, ma siete diventati anche voi greci? 
   Noi italiani, per la cronaca, inseriamo nel computo delle passività del debito pubblico anche le passività generate dalla  
nostra Cassa Depositi e Prestiti. 
   E poi continuando a bacchettare sempre i simpatici tedeschi, viene fuori che dal 2008, anno in cui la Commissione Europea 
ha permesso  deroghe  al divieto di concedere  aiuti statali, la Germania ha chiesto ed ottenuto ben 90 deroghe per correre in 
aiuto del loro sistema creditizio disastrato, statalizzando banche, Casse di Risparmio e banche dei Land. Noi italiani nello 
stesso periodo abbiamo richiesto solo due deroghe frà le quali i famosi  Tremonti-Bond,  che mi risultano essere stati utilizzati 
solo marginalmente ed in un paio d’occasioni. 
   E poi termino di “elogiare” i tedeschi ricordando  alla Signora Angela Merckel,  e lo faccio garbatamente visto che oggi è 
proprio S.Martino Patrono della Germania, che da quando lei è al comando, cioè dal 2005, ha creato più debito pubblico di 
tutti i cancellieri degli ultimi 40 anni messi insieme! La fonte di questi dati è del settimanale economico tedesco 
HANDELSBLATT, che già in copertina ci fa sapere che il vero debito pubblico  della Germania è molto ma molto più alto di 
quello dichiarato, in quanto i  funzionari governativi  sono bravissimi a non inserire molte poste nelle passività. Addirittura lo 
stesso settimanale arriva a calcolare nel  185% il reale rapporto debito pubblico/PIL. Ma queste cose nessuno è in grado di 
contestargliele? Sono solo buoni a strillare ed alzare la voce contro gli altri. Non sarebbe il caso di proporre di estendere la 
certificazione del F.M.I. a tutti i paesi Euro? E vorrei vedere gli ispettori della B.C.E.  correre non solo a Roma ed Atene ma 
anche dagli altri.  
    Mi preme anche ricordare al cortese Presidente  Sarkozy, contrariamente a quanto ha dichiarato, che non ha dovuto salvare la  Grecia  per salvare  l’Italia. Lei si è prodigato nel  salvare la Grecia per salvare il sedere delle sue banche e basta!!!  
    Scusatemi ancora ma ogni tanto ci vuole qualcuno che queste cose gliele dica senza troppi complimenti. 
    Allora usciamo o non usciamo? Il Trattato di Lisbona del 2009 ci dice che è possibile uscire dall’Unione Europea, mentre 
il  Trattato di Maastricht ovvero il Patto di Stabilità,  non contempla l’eventualità di poter recedere dalla moneta unica. E 
non si capisce quindi come un Paese possa teoricamente  uscire dall’Unione Europea e rimanere con l’Euro in mano.
    Ma io non ci credo.  Sono fermamente da sempre convinto che esistono  paragrafi secretati,  patti segreti, come ogni 
Trattato internazionale  da sempre contempla e che per ovvi motivi non sono stati mai resi pubblici, e che sono ben custoditi 
nei cassetti delle Cancellerie. Chissà quale dei nostri 17 Premier  è stato a suo tempo messo al corrente! I  sottili francesi  ed i 
pragmatici tedeschi hanno senza ombra di dubbio previsto ed anche nei particolari, le modalità di uscita  per i paesi che non 
fossero riusciti a stare al passo degli altri. Più si affannano nel dichiarare che non è prevista nei Trattati l’opzione per l’uscita, 
volontaria o coercitiva, e più ci credo!  
    La certezza l’abbiamo comunque avuta dieci giorni fa quando è stato chiesto alla Grecia, sempre dai francesi e tedeschi, la 
riformulazione del quesito  referendario, dall’assenso o meno ad accettare le riforme imposte dalla U.E., al più secco e diretto euro 
si o euro no. Con questa richiesta esplicita hanno di fatto ufficializzato che è possibile recedere, che è contemplato, che 
è previsto! E poi la dichiarazione shoch della Signora Merkel giunta appena poche ore fa, che ci fa sapere che chi vuole uscire 
può uscire dall’euro. Signora, ma nel week-end apre i cassetti del Bundestag e ci rivela questi patti segreti? 
    Negli ultimi mesi molte autorevoli banche come la  SWISS e l’UBS, si sono cimentate in studi sull’eventualità che un paese 
possa uscire dall’euro. Naturalmente gli esercizi hanno riguardato non solo la Grecia,  considerata in  pole position, ma anche la 
Spagna, il Portogallo, l’Irlanda, l’Italia e perché no la Francia e la Germania. Gli scenari prospettati sono senz’altro preoccupanti, 
ed indicano che i costi pro-capite che graverebbero su ogni cittadino sarebbero nell’ordine di 9/10000 euro per il primo anno 
per poi scendere sui  3,5/5000  euro nel secondo, ma tutti concordano che dopo un periodo di  caos anche sociale  per 
alcune nazioni, potrebbe essere un’ottima opportunità, in primis proprio per l’Italia. Il suo grande ruolo di paese industriale 
potrebbe riservargli un’opportunità, un vantaggio enorme da una svalutazione del 25/30%. 
    Ma io vorrei però tentare di  percorrere per l’Italia un’altra via preventiva. Vedete  ritornare tecnicamente alla lira è 
un’impresa ardua anche tecnica. Dalla stampa delle banconote (sono stati impiegati tre anni per stampare le banconote e coniare 
le monete dell’euro), ai problemi soprattutto giuridici di diritto internazionale correlati alla ridenominazione in lire del 
nostro debito, specialmente quello detenuto da soggetti non residenti (la Banca d’Italia ci fa sapere che riguarda il  39,2% 
dell’intero ammontare dei titoli emessi). Per non parlare delle pressioni a cui sarebbe esposto immancabilmente l’intero sistema 
bancario costretto a ricapitalizzarsi forzatamente ed i disagi a cui verrebbe esposta la popolazione. Visto che non possiamo 
usare la bacchetta magica, si creerebbero non indifferenti problemi, anche perché sarebbe una  decisione da annunciare e 
rendere  esecutiva immediatamente. Non è pensabile di annunciare un ritorno alla valuta nazionale ed effettuarla dopo un 
anno. Come sarebbe impensabile una doppia circolazione con euro e la valuta nazionale in cerca di un equilibrio di cambio. Nel 
frattempo, ed è facilmente intuibile, succederebbe l’irreparabile. 
    Una piccola considerazione tecnica: Il 39,2% dei titoli del debito pubblico italiani emessi, sappiamo essere in mani 
estere, che come è detto è pari a 595 Mld,  ma nelle ultime settimane è diminuito, diciamo sui 500Mld. Ebbene visto 
che sono proprio anche 500Mld il controvalore dei titoli esteri invece detenuti da residenti italiani, un provvedimento 
straordinario e coraggioso del nuovo governo potrebbe essere quello di effettuare uno Switch più o meno forzoso. Torneremo padroni del nostro debito e non più ostaggio di nessuno! Una posizione di forza incredibile da far invidia  al Giappone che di fatto lo detiene da sempre quasi tutto in casa. 
    Noi  invochiamo il ritorno alla nostra vecchia ed amata lira, soprattutto perché vogliamo ritornare ad  essere padroni della 
nostra sovranità monetaria che ci è stata completamente sottratta dall’asse Berlino-Parigi,  e che ci consentiva, e ci 
consentirebbe di nuovo, a rifar rimettere in moto la macchina Italia, ed identifichiamo solo nel ritorno alla lira il mezzo per 
raggiungere tale scopo. Perciò proviamo a rimanere nell’euro ma a patto della totale e radicale revisione dei Parametri e dei 
meccanismi punitivi del Patto di Stabilità.  
    Anzi auspico che questo  Convegno  stimoli le  Autorità italiane nel predisporre l’istituzione di un Comitato per la 
revisione del Trattato,  con il preciso scopo di individuare  e formulare regole e meccanismi  condivisi e capaci di essere questa 
volta rispettati da tutti e che riconsegni, almeno in parte, l’autorità monetaria sottratta a ciascuno stato.  Ed in 
alternativa, se questa tentativo non risulterà percorribile per l’ottusità e l’arroganza dei padroni del vapore europeo,  a 
predisporre un piano anche tecnico al ritorno alla  totale sovranità monetaria, cioè alla nuova lira, accertando e 
verificando che i vantaggi di tale scelta siano naturalmente superiori nel tempo agli inevitabili svantaggi. Che almeno si 
predisponga un piano strategico nazionale, da adottare in caso estremo di uscita,  tale da non farci trovare questa volta 
impreparati. 
   In ogni caso il piano dovrà individuare la  riformulazione anche dei compiti e delle attribuzioni della B.C.E., i quali in 
nome dell’indipendenza più assoluta, non hanno mai dimostrato di effettuare una buona vigilanza oltre ad essersi completamente 
appiattiti alle filosofie economiche dettate dalla  Bundesbank. 
Non si sono mai accorti che la maggioranza delle banche europee si erano messe a fare di tutto tranne che le banche, 
che si erano trasformate di fatto in Hedge Found, non c’e stato nessun controllo sulle loro scelte di portafoglio e  sul ricorso massiccio a strumenti finanziari di leva e derivati,  principali colpevoli dell’attuale disastro finanziario. Nessuno del board  ha 
mai alzato un dito per farcelo sapere e correre ai ripari. Erano ciechi o qualcuno gli ha imposto di non vedere?  
    Perché questa cecità ha determinato il terrificante bubbone del sistema bancario che poi è dovuto ricorrere all’aiuto comune. 
    Altra incongruenza incomprensibile è che  l’EBA European Banking Autority, ha considerato più a rischio i titoli di stato dei 
Pigs, Italia compresa, dei titoli tossici emessi da un  qualsiasi emittente sconosciuto, presenti copiosamente nei portafogli delle 
banche. E lo sapete perché? Perché in particolare le banche francesi e tedesche possiedono più titoli tossici che titoli di stato 
dei Pigs. Ma i nostri rappresentanti dove erano? Ma il conto salato di tutte queste gestioni sbagliate qualcuno ha deciso che lo 
dobbiamo pagare noi italiani? 
    Ma come possiamo riprendere in mano la situazione? Questo potrà avvenire solamente con una  precisa volontà e coscienza 
politica, mancata fino ad ora non solo in  Italia  ma anche in Europa. L’attuale crisi finanziaria in cui siamo tutti precipitati, 
sarebbe stata non dico risolta, ma notevolmente più circoscritta, se avessimo avuto in Europa, dei veri politici. Fatti della stessa 
pasta di cui erano fatti coloro i quali hanno concepito anni fa la costruzione europea, parlo degli  Adenauer, dei De Gasperi, 
degli Schumann e perché no anche dei Mitterand e dei Kohl, ma non certo questi di oggi che non sono neanche le loro brutte 
copie. L’Europa ha disperato bisogno di Statisti e non di politici in cerca di rielezione e di foto sui giornali!
    Perché vedete, nell’ultimo anno e mezzo si sono susseguiti ben 15 frà Summit e Riunioni straordinarie. Non hanno mai deciso 
assolutamente nulla. Grandi strette di mano, tanti sorrisi, anche qualcuno di troppo, ma nulla di più. Sarebbe stato meglio 
chiuderli a chiave in una grande stanza come si faceva una volta, e farli uscire solo quando avevano preso delle decisioni effettive, 
tangibili.  
    Cara  Signora Angela  se nel  maggio del 2010, alla deflagrazione della situazione greca,  avesse avuto il coraggio di prendere il Toro per le corna, oggi non staremo così. Perché quando si tratta di salvare le banche fallite del suo paese, lei Signora Merckel, non batte ciglio nel sborsare centinaia di milioni di euro, come il suo co-regnante Sarkozy che non ha esitato ad affondare le mani in tasca per salvare banche decotte come  la Dexia.
    E’ inutile predisporre quindi tutti i meccanismi tecnici, dai vari Fondi salva stati all’acquisto di titoli pubblici da parte della Banca 
Centrale, se poi non c’e la volontà e capacità politica per poterli rendere realmente esecutivi. Ma è possibile che non ci sia nessuno 
che abbia le capacità per poter prendere il timone e traghettare l’Europa  fuori dalla tempesta, questa è la vera tragedia in cui 
versa il Vecchio Continente.
    Perché al limite saremo anche stati disponibili ad andare al traino della Francia e della Germania, ma non con alla 
guida dei politici con il paraocchi che non hanno dimostrato di saper fare assolutamente il loro mestiere. 
    Mi direte che il problema risiede nel fatto che non ci sono in giro veri politici, che non è solamente un problema italiano. 
    E poi per ritornare al nostro tema, un’operazione di eventuale ritorno alla lira dovrebbe passare anche da un più complesso e 
profondo processo di riorganizzazione generale, oserei chiamarlo di totale Rifondazione del Paese. Dalle riforme vere 
che tutti auspicano ma che nessuno ha mai fatto, perché vedete quando constatiamo che alcuni paesi nordici crescono più di 
noi,  crescono non perché sono più bravi di noi, cresconoperché sono supportati dalle istituzioni che funzionano, da 
un fisco equo ed efficiente, da una giustizia  rapida, da una pubblica amministrazione che gli viene incontro. Dateci 
anche a noi questi strumenti efficienti e cresceremo molto più di loro! Abbiamo l’estro e la capacità per poter fare cose incredibili, 
ma abbiamo però anche le  zeppe nelle ruote  delle istituzioni, ingessate da sterili lotte politiche che ci ricordano ancora i tempi 
dei Guelfi e Ghibellini.  Ogni proposta di rinnovamento viene sistematicamente e per partito preso affossata da cento no. Se non 
riusciremo nel breve ad adottare gli stessi strumenti che hanno a disposizione gli altri partners (che ricordo rimangono in ogni caso 
sempre nostri concorrenti), siamo condannati a perdere quel poco che abbiamo ancora di buono e per sempre.  
   Abbiamo sotto gli occhi l’esempio dell’Argentina: dopo più di 10 anni di politica economica disastrosa determinata soprattutto 
all’ancoraggio della loro moneta al dollaro (stessa situazione in Europa dove vige il regime di cambio fisso da 13 anni) il Paese è 
praticamente fallito.  Default del debito, paese nel caos.  Poi ristrutturazione del debito e ritorno al cambio libero, unito a 
grandi riforme: risultato la resurrezione del Paese. Oggi l’Argentina cresce al ritmo dell’8% (alla cinese) e pochi si sono 
accorti che a Cannes al G20 c’erano anche loro ritornati a sedere frà i grandi. I catastrofisti e le cassandre sono stati smentiti 
clamorosamente. L’Argentina è rinata alla grande. Hanno avuto il coraggio di fare delle scelte anche forti, ed hanno saputo 
sfruttare in pieno un’opportunità dal disastro del fallimento. 
    Altro esempio è la Polonia. Membro dell’U.E. ma non ancora  eurodotata. Ebbene cresce al ritmo del  4% supportata anche da 
una sostenuta domanda interna, a dimostrazione che la migliore ricetta non è l’aver adottato questo euro sballato come moneta, ma far parte  dell’Unione europea, cioè beneficiare della libera circolazione di beni e servizi.  
    A riprova di ciò, le statistiche ci dicono che  l’Europa a 17, quella euro dotata, cresce meno del resto dell’Europa composta 
dagli altri 10 stati, ma che adottano ancora le proprie valute nazionali. E nello specifico l’Italia da quando ha adottato l’euro, 
cioè da 10 anni, è cresciuta del  2,43%  (seconda solo al terremotato Haiti) mentre nei precedenti non certo facili 10 anni, 
ma con la lira, è cresciuta almeno del 16%.  
    Ho sentito tra le tante cose scritte e dette in questi giorni, la bizzarra proposta del deputato tedesco  Krichbaum che ha 
invitato l’Italia a vendere l’oro che detiene la Banca d’Italia per abbattere una quota del debito pubblico, (siamo il terzo detentore 
del metallo giallo al mondo dopo gli Stati Uniti e la Germania con ben  2451,8  tonnellate pari a circa 110 Mld di euro)).  L’oro 
detenuto dalla Banca d’Italia è del popolo italiano e non si tocca, sia chiaro!. Non ci sono riusciti i nazisti a portarcelo via e 
non ci riuscirà neanche questa politica dissennata del governo dell’euro, tantomeno su proposta tedesca! 
    Quindi è chiara la mia tesi: se avessimo in  Italia alla guida una vera classe politica efficiente sia  al governo che 
all’opposizione, con ampie visioni condivise (un po’ come avvenne nell’Assemblea Costituente del dopoguerra) tali da fare 
squadra e riuscire in tempi brevissimi a compiere  riforme effettive epocali in ogni campo, il ritorno alla lira sarebbe una 
valida opzione e un’opportunità incredibile,  una carta formidabile da poter giocare nell’impasse in cui si trova l’Europa, 
guidata da un direttorio del tutto incapace. Sarebbe  non una debolezza ma una dimostrazione di forza,  ma nell’attuale 
situazione di navigazione a vista, già sarebbe un’enorme successo riuscire a rinegoziare  Maastricht,  con più equi e condivisi 
parametri e con una Germania ridimensionata nel ruolo. Anche l’idea delle due velocità, con un  Euro A  e un  Euro B, 
provocherebbe per i retrocessi gli stessi problemi  che si presenterebbero con il ritorno alla propria moneta, quindi tanto 
vale a quel punto ritornarci direttamente. 
    Lancio una provocazione: e se invece fosse la Germania a tornare al marco? I problemi e i contraccolpi sarebbero per tutta 
l’Europa molto minori ed i benefici si manifesterebbero da subito, con l’abbandono della politica monetaria a senso unico della 
Bundesbank a regnare in Europa. La Germania libererebbe gli stati europei dalla camicia di forza in cui l’ha imprigionata. 
La rivalutazione certa del nuovo marco sull’Euro non creerebbe i problemi che invece ci sarebbero se fossero gli altri ad uscire.  
    Giorgio La Malfa ha detto che per decidere di uscire dovremo fare le stesse cose che dovremo fare per decidere di rimanere. E’
verissimo, però se riuscissimo a fare veramente quello che dovremo fare, se cioè avessimo la forza e la capacità di farle 
veramente, ci converrebbe uscire ed anche di corsa, prima di essere completamente  fagocitati dai francesi e  schiacciati dalla 
prepotenza tedesca.  
    Perdonatemi se sono stato un po’ forte e colorito nell’esporre le mie idee, ma amo profondamente questo meraviglioso  paese e 
soffro come tutti voi nel vederlo così calpestato."
Antonio Maria Rinaldi 
 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...