Asìa di Napoli: truffe e degrado dell'ambiente lavorativo. Come ti consumo un litro di gasolio ...al metro e poi grido al dissesto !

22.02.2011 13:33

 

Asìa di Napoli, la municipalizzata per la raccolta dei rifiuti partenopei : locali marcescenti allagati da fiumi di acque meteoriche adibiti a spogliatoi  per i dipendenti;

autocompattatori con guarnizioni a tenuta stagna rotte o logore, sicchè il percolato viene - naturalmente - disseminato per le strade. 

 

Il cosiddetto "spogliatoio" è uno scantinato interrato, senza uscita di sicurezza, con la presenza di tubature in eternit.

Il Sindacato "sa", il responsabile della legge 626 "sa", la direzione Asìa "sa", ma tutti si astengono dal fare qualcosa, a parte minacce ed intimidazioni in stile camorristico a chi fa loro notare le vistose ed illegali carenze, strutturali e funzionali.

Chi non conosce il distretto Asìa di Via del Cimitero a Miano ? Più volte negli anni si è allagato, ed anche se la ripida discesa per accedervi è stata sotituita da una rampa di scale, resta il fatto che il locale è inidoneo in quanto posto sotto il livello degli scarichi fognari, sicchè quando piove, dai sanitari fuoriescono oltre alle acque meteoriche debordanti, anche liquami altamente tossici.

Nonostante ciò, il locale è adibito a spogliatoio per i lavoratori, ma l'Asìa lo fa risultare agli atti come "deposito".

Gli armadietti per il personale sono di una obsolescenza ultraventennale, rotti, deformi e arrugginiti: ben poca cosa a fronte di locali non sufficientemente aerati,  bui, in cui non filtra mai la luce solare, fatiscenti ed in dispregio a qualunque  elementare norma di legge di igiene, salubrità e sicurezza dei lavoratori.

Cosa fa in merito il responsabile della Legge 626/94 signor Giuseppe Artale ?

Ma non è tutto.

Gli auto compattatori, come documentato dai brogliacci dell'ufficio del rifornimento, per anni ed anni, hanno consumato un litro di gasolio al metro (sic !).

Come è possibile ? Semplice : il benzinaio "accreditato", sempre quello, metteva ventri litri di gasolio nell'autocompattatore, ma ne venivano dichiarati, di comune illecito accordo...centoventi litri !

E' notorio, di pubblico dominio - lo sanno anche i sassi -  che questa è la prassi illegale e fraudolenta di rifornimento carburante dell'Asìa di Napoli.

E' risaputo che in Asìa esistono tre grandi autoparchi di cui uno si trova a Scampia in via Ugo Pratt, un altro si trova in Via Volpicelli a Ponticelli e l'altro è ubicato a Fuorigrotta.

Agli autisti della società di Igiene Urbana viene consegnata una "card" della compagnia Q8 con cui l'azienda napoletana è convenzionata e costoro ad ogni fine turno fanno rabbocco di carburante, con l'operazione fraudolenta appena descritta, presso un qualunque distributore Q8.

Questa prassi illecita perdura da anni ed anni, è sistematica e diffusa, eppure ancora la Guardia di Finanza di Napoli non ha assunto la più elementare iniziativa per farla

cessare, in primis il sequestro di tutti i registri del carburante, relativi alle varie annualità,  prima che qualcuno li faccia sparire : su quei registri sono annotati i litri di

gasolio consumati ed i chilometri percorsi giorno per giorno !

Sono tutti a conoscenza della truffa: dirigenti aziendali e sindacati dei lavoratori, ma perchè nessuno denuncia  ?

Forse perchè la vicenda dei rifornimenti di carburante degli automezzi di Asìa potrebbe far saltare il coperchio di un pentolone di malaffare criminale ancora più vasto, al punto da

diventare ingestibile per la camorra ?

Forse perchè il diktat è l'omertà e le minacce e le intimidazioni sono all'ordine del giorno ?

Quando la Magistratura interverrà ?

 

E, come valutare infine , questa notizia di cronaca?

Cosa c'è dietro questo omicidio di un dipendente dell'Asìa ?

https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/cronaca/2011/12-gennaio-2011/ponticelli-dipendente-asia-ucciso-coltellate-pianerottolo-casa-181239976028.shtml

Comitato Cittadini per la Trasparenza e la Democrazia

napoli.indymedia.org/2011/02/24/asia-di-napolicome-ti-consumo-un-litro-di-gasolio-al-metro-truffe-sperpero-di-danaro-pubblico-e-degrado-dellambiente-lavorativo/ 

www.fainotizia.it/inchiesta/asia-di-napolicome-ti-consumo-un-litro-di-carburante-%E2%80%A6al-metro-truffe-sperpero-di-danaro-p

FOTO DEL NOSTRO REPORTAGE. RIPRODUZIONE RISERVATA.

 

 

Disastro chiama disastro. A Napoli, ai cumuli di spazzatura per strada fa da contraltare, come in un gioco di specchi, il dissesto di chi dovrebbe occuparsene. E in prima linea c'è l'Asìa, l'azienda dei rifiuti della città partenopea. Non inganni il nome esotico perché Asìa rischia di essere la summa dei fallimenti sul fronte dei rifiuti. Oggi Daniele Fortini, l'amministratore delegato della municipalizzata che cura la raccolta dei rifiuti, ha detto che «a Natale ci sarà una nuova crisi». E che la soluzione è «avviare la raccolta differenziata porta a porta per un milione di cittadini napoletani». Ma il disastro non si limita alla monnezza. Parte dai conti dell'Asìa.

Il 2009 si è chiuso per la società partecipata al 100% dal comune di Napoli con una perdita secca di 18 milioni di euro e qualche spicciolo. Possono apparire quisquilie, rispetto alla drammatica situazione della città. Ma non è così, visto che ci si accapigliava fino all'altro ieri su una decina di milioni di oneri per una nuova discarica. Quel buco di 18 milioni è prodotto su un fatturato di soli 161 milioni. Per ogni dieci euro che Asìa incassa se ne perde più d'uno per strada. Ma la traballante municipalizzata non è nuova a exploit negativi. Nel 2008, nella prima crisi rifiuti, le perdite erano state di ben 45 milioni. Totale 63 milioni di passivo negli ultimi due anni. E a parte la parentesi "felice" del 2007, quando Asìa riuscì a produrre ben 6 milioni di utili, lavorare in perdita sembra sia la vocazione dell'azienda pubblica dei rifiuti. Tra il 2004 e il 2006 (e allora non c'erano i sacchi dell'immondizia per strada) l'azienda ha cumulato perdite per 44 milioni. 

Un buco di oltre 100 milioni 
Fate i conti e vedrete che gestire la spazzatura a Napoli, emergenza o non emergenza, è costato oltre 100 milioni negli ultimi sette anni. Costato a chi? Ai napoletani ovviamente. Perché i ricavi non sono altro che i corrispettivi pagati dal comune per il servizio. E a sua volta i soldi girati dal sindaco ad Asìa vengono in parte dalla tariffa rifiuti, la tassa pagata dai cittadini. 

E ad Asìa non è stato fatto mancare nulla. Nel 2009 il comune ha staccato un assegno da 170 milioni, ben più dei 134 milioni pagati nel 2008. La generosità nei confronti di Asìa non è nuova. Dura da anni.Tra le aziende che si occupano di rifiuti nelle grandi città italiane, come ha rilevato l'ufficio studi di Mediobanca per conto di Civicum, Asìa è quella che ha ricevuto in assoluto più stanziamenti pubblici.Solo nel periodo lontano tra il 2003 e il 2006 i fondi girati dal comune ad Asìa sono aumentati del 40%. E l'anno scorso una nuova copiosa iniezione di denaro. Ma ad Asìa, paradossalmente, più soldi metti, più ne perdi. E in più ti ritrovi ogni due tre anni le strade invase dai rifiuti. Cosa se ne fa Asìa di quei quattrini che dovrebbero servire a tenere pulite le strade? Ci paga per oltre il 60% i salari dei dipendenti. Saliti dai duemila del 2008 ai 2.300 dell'anno scorso. Si assume in quel di Asìa, ma più dipendenti non vogliono evidentemente dire strade più pulite. Un paradosso, uno dei tanti dell'azienda rifiuti più malconcia d'Italia. Per il resto si spendono una settantina di milioni l'anno per il servizio offerto e si ammortizzano e si svalutano beni per circa 5 milioni. Con un bilancio così impossibile chiudere in utile. Anche perché il contributo che Asìa potrebbe incassare, quello della raccolta differenziata che è a livelli minimi, è talmente esiguo da far sorridere. 

L'azienda dei rifiuti di Napoli genera proventi dalla raccolta differenziata(che dovrebbe essere il suo core business) per soli 4 milioni, poco meno del 3% dei soldi incassati ogni anno a piè di lista dal Comune. Un po' poco per un'azienda con oltre duemila dipendenti. Un altro paradosso.

I BILANCI 

45 milioni - Il passivo del 2008 
Nel 2008, nel pieno della prima crisi dei rifiuti, i conti si erano chiusi con un passivo di ben 45 milioni, lo scorso anno la perdita è stata di 18 milioni su un fatturato di 161 milioni

2.300 - Dipendenti 
Dal 2008 al 2009 gli addetti della società sono aumentati di 300 unità; il costo del lavoro ha una incidenza pari al 60% nei confronti dei ricavi globali dell'azienda

3% - Ricavi della "differenziata" 
I ricavi legati alla raccolta separata sono stati pari a poco più di 4 milioni di euro, e rappresentano poco meno del 3% dei ricavi globali realizzati dall'azienda

Fonte:www.ilsole24ore.com/art/notizie/2010-10-27/emergenza-rifiuti-anche-conti-165535.shtml?uuid=AYpaqkeC&fromSearch

 

Si legga  anche:" I mille trucchi dello scandalo " di Fabio Pavesi

www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Italia/2008/01/rifiuti-campania-trucchi-scandalo.shtml?uuid=008055e0-c299-11dc-8603-00000e251029&DocRulesView=Libero&correlato 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...