Vogliamo le immediate dimissioni del retribuito senatore a vita Giulio Andreotti

19.09.2010 21:04

Dopo le sue gravissime offese rese nella trasmissione "La Storia siamo noi" su Rai-2 del 9 settembre 2010 a carico dell'avvocato Giorgio

Ambrosoli, fatto uccidere da uno tanti protetti dal Senatore Giulio Andreotti, il banchiere in odor di mafia Michele Sindona, l'11 luglio1979

chiedere le immediate dimissioni del retribuito senatore a Vita,Giulio Andreotti è il minimo.

 

Ambrosoli fu ucciso per l'unica "colpa" di non aver ceduto, in qualità di commissario-liquidatore dell’ impero finanziario di Sindona, alle

pressioni ed alle minacce della Mafia e della parte corrotta delle Istituzioni, di essere persona retta e fedele servitore del bene comune e

della parte pulita dello Stato.

Secondo il Senatore a vita Giulio Andreotti, 7 volte Presidente del Consiglio, proprio per questa sua rettitudine, quella barbara sorte

Ambrosoli, e con lui la sua famiglia, "SE L'ANDAVA CERCANDO", come dire che se l'è meritata.

 

Una frase vergognosa ed ignobile, tanto più se detta da un uomo delle Istituzioni per eccellenza come Andreotti, che conferma ciò che

finora sapevamo sulle responsabilità ed i profondi legami tra lui ed il banchiere legato alla mafia, fatti che inutilmente nello stesso anno

(1979) il neo-deputato eletto del Partito Radicale Massimo Teodori cercò di far emergere richiedendo inutilmente una Commissione

parlamentare d'inchiesta sul Caso Sindona.

 

Lo stesso Teodori nel 1984, dopo aver scoperto altre complicità tra Andreotti e Sindona, chiese inutilmente le dimissioni di Andreotti da Ministro e da

parlamentare, mozione che non passò per la complicità dei Comunisti che lasciarono l'aula. 

(www.facebook.com/pages/Immediate-dimissioni-del-Senatore-a-Vita-Giulio-Andreotti/141249909251084?v=info )

 

Il 12 luglio 1979, sotto casa, di notte, viene ucciso Giorgio Ambrosoli. 

Chi lo uccide non è un terrorista, è un killer prezzolato che lo uccide per il suo lavoro. 

Ambrosoli, avvocato civilista, esperto in liquidazioni coatte amministrative, aveva lavorato con grande competenza nella liquidazione della SFI, ed era perciò stato nominato in seguito commissario liquidatore della Banca Privata, controllata da Michele Sindona, della quale nel 1974 era stata dichiarata l'insolvenza, e cioè il fallimento. 

Sindona, fino ad allora, era il più potente banchiere privato italiano e il massimo esponente della così detta “finanza cattolica”. 

Ambrosoli, giovane professionista (era nato a Milano il 17 ottobre 1933), di convinzione monarchica e liberale, impegnato a fare cultura più che politica, aveva il compito di ricostruire i motivi del fallimento e di recuperare il denaro distratto da Sindona. 

Nella lettera testamento del 25 febbraio 1975 indirizzata alla moglie Annalori, che la troverà dopo la morte del marito fra le sue carte, Ambrosoli scrive di essersi trovato così, di colpo, a “fare politica per conto dello Stato e non di un partito”; ad impedire che ricadessero sui cittadini le passività delle banche di Sindona. 

Quando il suo lavoro cominciò a dare frutti, e venne acquisita alla liquidazione la holding estera che controllava l’impero societario di Sindona, iniziarono le intimidazioni, che divennero continue; le voci anonime che telefonicamente minacciavano Ambrosoli parlavano di dettagli conosciuti soltanto da chi aveva con lui stretti rapporti proprio riguardo alla liquidazione della banca. 

Procedevano intanto anche le manovre politiche a protezione di Sindona; per indurre la giustizia americana a non estradare il banchiere personaggi di rilievo, tra cui il Procuratore Generale della Corte d’Appello di Roma, sottoscrissero “affidavit” a sostegno dell’imputato, affermando che era vittima di una persecuzione politica pilotata dalla sinistra. 

Amborosoli però non si piegò. Sulla paura prevalse il rispetto della propria libertà, libertà di essere coerente con se stesso, di non farsi condizionare da altri, di assolvere nell’interesse di tutti il proprio mandato. 

Poichè Sindona era fallito anche in America, e i magistrati di New York si trasferirono in Italia per saperne di più sui suoi metodi, sulle sue malefatte italiane. Assunsero, per giorni la lunga testimonianza di Ambrosoli, che metteva a nudo le responsabilità di Sindona. 

Ambrosoli venne ucciso la notte precedente alla sottoscrizione formale delle sue dichiarazioni. 

Giorgio Ambrosoli era sposato ed aveva tre figli: Francesca, Filippo e Umberto, amava teneramente la sua famiglia, alla quale fu sottratto da chi voleva conservare il proprio potere e le proprie illecite ricchezze. 


La vicenda di Ambrosoli pone inquietanti interrogativi sul modo di essere della nostra società. 

Ambrosoli che era uomo delle regole, ebbe tutti, o quasi tutti, contro. Era considerato per la cultura di allora (intendendo per cultura l'insieme dei punti di riferimento che valgono per la generalità o meglio per la maggior parte delle persone e, nel caso specifico, delle persone che contano) , e forse continua ad essere considerato anche per la cultura di adesso, un personaggio a dir poco anomalo. Perché?. 

Parto dal presupposto che nessuno sia necessariamente in malafede, e mi chiedo: ma perché mai una valutazione di tal genere su Ambrosoli era (e forse sarebbe ancora) così diffusa? Non posso pensare che tutti siano così legati al proprio interesse personale, ai propri soldi, alla propria furbizia da dare un giudizio negativo su Ambrosoli solo perché il suo operare contrastava con precise mire di potere personale o con la evidente salvaguardia di concreti privilegi. Le persone direttamente colpite dalla sua azione erano, del resto, una minoranza, meno numerosi comunque di coloro che invece dalla onesta liquidazione dell’impero di Sindona traevano vantaggio.

Ed allora, come mai Ambrosoli è stato considerato “uno fuori del mondo”? Come mai esiste una convinzione così diffusa e radicata secondo la quale c'è sì la regola. ma la vita è comunque un'altra cosa rispetto alla regola? Essa non riguarda soltanto quella parte di società che Stajano ha individuato intitolando il suo libro “Un eroe borghese”. E’ ben più diffusa nella nostra società, non è prerogativa solo d'una sua componente. 

Peraltro la convinzione secondo cui la regola è cosa diversa dal vivere si combina in una singolare misura con il radicato atteggiamento secondo il quale il rispetto delle regole viene chiesto agli altri, mentre ciascuno risulta intimamente convinto di esserne personalmente svincolato. C'è, secondo me, questa diffusa doppiezza, secondo la quale coloro con i quali ti trovi, anche occasionalmente, in contraddittorio sono tenuti, loro, a rispettare le regole, mentre se le rispetti tu finisci quasi per sentirti uno sprovveduto. 

Mi sembra ovvio che fin quando queste convinzioni saranno capillarmente diffuse sarà ben difficile che nel nostro paese possa instaurarsi una effettiva legalità. 

Va poi sottolineato un altro profilo: molti si sentono vittime della malvagità altrui, ma il loro atteggiamento è quello dello spettatore impotente, che non partecipa al gioco, che non ha strumenti per incidere, per far pesare il suo punto di vista, per comunicare ad altri (compresi i potenti che siano allo stesso tempo “malvagi”) le proprie convinzioni e convincere a sua volta chi gli sta intorno. Tale atteggiamento il più delle volte è in contraddizione con la realtà ed è comunque soltanto distruttivo e assolutamente pessimista. 

Esso inoltre suscita un atteggiamento di fastidio come se chi vuole il rispetto della legalità venisse a turbare un “equilibrio”, una sicurezza, una consuetudine, che evidentemente paiono valori in sé, ancorché determinino danni per tutta la collettività.

Gherardo Colombo

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...