Vietato parlare e scrivere di mafia. Chi lo fa finisce in tribunale citato dal Comune

13.04.2011 18:25
A San Giorgio del Sannio (BN) la situazione è identica se non peggiore. La "mafia" dei "boss" locali  attraverso l’abuso del codice penale non fa altro che confermare se stessa.
Segnaliamo un articolo denuncia: "Caro estinto prima mi esibisci il contratto e poi ti dò il nulla osta alla tumulazione (agoravox)".
Ebbene, si è fatto ricorso alla diffamazione a mezzo internet, la rete, il web.
Morale della favola: vietato parlare di malaffare e di mafia.
Anche quando la comunità è  quotidianamente offesa dalle vessazioni e dagli abusi di potere, anche quando la comunità è vilipesa ed offesa dai suoi amministratori da illegalità del genere:
 
Ulteriore fatto singolare degno di nota è che il sostituto procuratore è lo stesso che nel 2009, nell’ambito di una indagine per presunta estorsione… dispose intercettazioni e ne acquisì una gravissima a carico del sindaco p.t. di San Giorgio del Sannio, ma in relazione alla stessa, malgrado denunce, richieste di dimissioni e vibrate proteste civiche, non è dato ancora sapere se abbia chiesto l’archiviazione, esercitato l’azione penale o disposto ulteriori intercettazioni.

 Ebbene, sì ! Inutile girarci attorno.

 La mafia e il malaffare festeggiano dove c’è anche malagiustizia.  

 Ma ancora per poco !

 Se l

a maggioranza della gente omologata non è matura per la democrazia ed il cambiamento,vuole ancora sudditanza ai  capibastone e  pecoraggine per gretto tornaconto personale e familistico amorale ( d'altronde viene tenuta in stato di  bisogno per poi poterla ricattare col voto...lavatrici, lottizzazioni illegali di terreni già edificati, modifiche al PUC ad personam  etc.etc.) c'è una minoranza di  cittadini non omologati ma onesti, indignati e non ricattabili dalla mafia, che resiste e scaccerà i  mercanti dal tempio della nostra città, del nostro Paese, scaccerà i mafiosi e i governanti amici dei mafiosi, ovunque si trovino.  La rivolta delle coscienze e delle persone per bene è già cominciata e continuerà !
 
 
Non ci sono bavagli e assassini dei fatti-  parole che tengano !

 

Sant’Agata, vietato parlare e scrivere di mafia 
chi lo fa finisce in tribunale citato dal Comune

Vietato parlare di mafia a Sant’Agata di Militello (Messina). Anche quando il capo dell’ufficio tecnico del comune è indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. Nessuno può permettersi di mettere in dubbio la trasparenza e la legittimità dei provvedimenti da lui redatti. Chi lo fa (gli esponenti dell’opposizione) finisce in tribunale, come ha raccontato il Fatto Quotidiano, nell’edizione dell’11 settembre scorso. Così, per non smentirsi, l’amministrazione comunale, guidata da Bruno Mancuso, fratello del vicepresidente di Alitalia, Salvatore, ha deciso di trascinare in Tribunale anche il Fatto: nella delibera del 13 settembre, infatti, giudicando l’articolo “calunnioso e dannoso per l’immagine del comune’’, la giunta dà mandato a un legale, con tanto di parcella pagata dai cittadini, di tutelarla “nella sede che sarà ritenuta idonea”.

Segnali di nervosismo istituzionale dovuti probabilmente all’inchiesta della Direzione distrettuale di Messina che da qualche mese indaga sul legame tra affari e politica a Sant’Agata di Militello, comune della fascia tirrenica messinese dove da tempo vengono denunciate lottizzazioni illegali sullo sfondo del grande affare (50 milioni di euro) del risanamento del porto, compravendita di voti e ricatti occupazionali documentati da conversazioni registrate su cd. E dove il capo ufficio tecnico,Giuseppe Contiguglia, è indagato per mafia: di lui il Ros di Messina, che continua ad interrogare imprenditori e politici per ricostruire il quadro degli affari e accertare l’influenza delle cosche, sottolinea “la sensibilità verso le esigenze dei gruppi mafiosi operanti nel territorio”.
Ma quell’indagine non basta ad accendere la spia rossa di allarme sul cruscotto dell’amministrazione comunale: chi mette in dubbio l’operato di Contiguglia viene querelato. A prescindere da ogni prudenza.
E chi racconta questa storia segue la stessa sorte: querela anche per lui, con il bollo di una delibera comunale e una parcella pagata dai cittadini. Il prossimo passo sara’ forse un cartello appeso sul portone del Municipio: “A Sant’Agata è vietato non solo parlare di mafia, ma anche scrivere che non si può parlare di mafia: i trasgressori sono immediatamente querelati”.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...