Terra dei Fuochi, vertice ministro-capo NOE. "Ministro Clini, sono i rifiuti INDUSTRIALI che bruciano, non quelli urbani !"

24.07.2012 04:26

LA MALAVITA ORGANIZZATA E LA CAMORRA SI COMBATTONO CON LA RACCOLTA DIFFERENZIATA ?

Il Mattino del 23.07.2012

Clini:"La raccolta differenziata sarebbe un ottimo antidoto alla malavita che ruota intorno al sistema discariche nel Mezzogiorno."

 

I Roghi Tossici sono un fenomeno di criminalità (più o meno organizzata), in cui si adoperano incendi di Rifiuti Speciali a scopo di smaltimento illecito o di riciclo illegale. 
 
Grazie a questo pezzo de Il Mattino, si capisce invece che il Ministro Clini strumentalizza la questione dei Roghi Tossici confondendo il problema dei Rifiuti Speciali con quelli Solidi Urbani. 
 
Dopo 20 anni siamo ancora una volta al punto di partenza!
 
In seguito alla lettura di questo articolo si possono evincere diverse ipotesi: 
 
Ipotesi n°1 
Il Ministro non conosce la questione e quindi la ignora.
(cosa molto grave per un Ministro dell'Ambiente, perché ne evidenzia inadeguatezza al ruolo e incapacità nel risolvere il problema) 
 
Ipotesi n°2
Pur conoscendola, il Ministro la strumentalizza volontariamente per altri scopi, quali tra gli altri la promozione di nuovi impianti di Incenerimento.
(ancor più grave, perché ne evidenzia la malafede politica e la NON volontà nel risolvere la questione)
 
Ipotesi n°3
Chi ha scritto il pezzo è completamente IGNORANTE sulla questione, per cui non essendo in grado, non avrebbe dovuto/potuto intervistare il Ministro, avendo dimostrato nessuna conoscenza dei fatti; 
(grave disinformazione, responsabilità sia del capo di redazione del giornale che del cronista medesimo autore del pezzo).
 
Ipotesi n°4
Il giornale che ha pubblicato il pezzo manipolandone i contenuti delle dichiarazioni, ha fatto volutamente un'opera di disinformazione strumentale ai danni di tutti. Del Ministro, del giornalista che ha fatto l'intervista ma soprattutto dei lettori che ricevono l'informazione. 
(fatto gravissimo poiché il giornale in questione, se riceve finanziamenti pubblici, dovrebbe rendere il suo servizio a chi lo legge e lo paga anche con le tasse, non a chi vende inceneritori)
 
 
Nell'attesa di ulteriori chiarimenti -ben vengano- da parte del Ministro, del Cronista o dello stesso redattore capo del giornale, essendo a dir poco sconcertati, a questo punto lasciamo a voi lettori ulteriori giudizi/considerazioni. Permettendoci di trarre l'unica e amara conclusione, ovvero, la seguente: povera Italia!
 
Tratto da www.laterradeifuochi.it
 
La Terra dei Fuochi è un contenitore di Video-Denunce e uno spazio web di monitoraggio ambientale in tempo reale sugli effetti delle eco-mafie riguardo al fenomeno dei roghi tossici di rifiuti speciali.
La terra dei roghi è tristemente nota per le condotte istituzionali evidentemente omissive !
L’inerzia colposa  delle amministrazioni interessate, rispetto alle problematiche più volte rappresentate,  risulta ancor più grave nella misura in cui le stesse siano state messe  a conoscenza dei  fatti sia dagli innumerevoli esposti e denunce sporte dai residenti che attraverso stampa e tv, locali e nazionali.
Basterebbe consultare l’enorme patrimonio (documenti, denunce, foto, video…) del succitato portale internet  “www.laterradeifuochi.it” per rendersi conto, qualora davvero a qualcuno ancora sfuggisse la portata del problema, della tragica situazione in cui sono costretti a  sopravvivere (!) le popolazioni dei Comuni coinvolti dal fenomeno criminale.
Ma v'è di più. Decine di denunce presentate presso le Ill.me Procure riceventi non hanno ad oggi avuto alcun riscontro in termini processuali !
 
Si legga anche:
A favore di un'informazione libera e imparziale sul tema dei rifiuti in Campania presidio di protesta collettivo sotto la sede della RAI di Napoli
 
 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...