San Giorgio del Sannio.Per ottenere e/o confermare il consenso, metodologie ai limiti della liceità, che minano la libertà dei cittadini nell’espressione del proprio diritto di voto

28.04.2011 23:54

Siamo già a metà della campagna elettorale relativa al rinnovo del Consiglio Comunale di San Giorgio del Sannio.

"A voler tracciare un bilancio di medio termine - scrive la candidata consigliere comunale Elvira Santaniello, della lista Nuova San Giorgio con candidato sindaco Giovino Carpenella - sono davanti agli occhi di tutti alcuni spunti di riflessione molto interessanti. I candidati, tutti, hanno mantenuto un basso profilo, senza confronti diretti, senza esporsi troppo, alcuni senza nemmeno farsi vedere per le strade nei giorni di Pasqua, ma con un profondo lavorio nel sottobosco sangiorgese, con incontri quasi carbonari nelle case e nei quartieri periferici. Inoltre - prosegue Santaniello - per ottenere e/o confermare il consenso, si continuano ad utilizzare metodologie ai limiti della liceità, che minano la libertà dei cittadini nell’espressione del proprio diritto di voto".

"Parlando con gli elettori e le elettrici sempre alla luce del sole -riporta la candidata - ho potuto verificare io stessa quelle che sono le considerazioni più diffuse da parte della gente comune riguardo alla ricerca del consenso. Le frasi che ho sentito più spesso in questi giorni sono state: 'sono venuti dei signori a casa e mi hanno ricordato il favore che mi fecero quando presi la pensione', 'quei signori che sono venuti a casa si sono offerti di darmi una mano per qualunque pratica amministrativa o per qualunque mia necessità', 'io mica voglio avere problemi con i ticket sanitari o con la pensione! Allora devo votare quel candidato là!', 'sono venuti dei signori a casa e mi hanno detto che se aumenta la TARSU vedranno di tenermela più bassa', 'quei signori che sono venuti a trovarmi mi hanno promesso generi di prima necessità e aiuti economici', 'i miei genitori si sono già impegnati con quel candidato perché si è offerto di aiutarmi a trovare lavoro'. Ebbene sì, il vecchio andazzo di una politica che ha come pratiche normali il ricatto, la coercizione, la menzogna, la finta attenzione ai problemi dei cittadini e le promesse di non so quali paradisi è dolorosamente imperante e trova fertile terreno in una comunità che per decenni ha subito i danni di una amministrazione assolutamente disattenta ai reali bisogni del paese ma attenta, invece, alla creazione di clientelismi, familismi, nepotismi totalmente e assolutamente funzionali alla conservazione del consenso elettorale".

I fatti denunciati da Elvira Santaniello sono sicuramente molto gravi, e se fossero veri meriterebbero senz'altro adeguate indagini da parte della magistratura. Cosa che peraltro non dobbiamo certo essere noi a ricordare.

Elvira Santaniello prosegue: "In questo tipo di campagna elettorale, ahimè, non ho visto né incontrato alcuno che spiegasse agli elettori il programma che si intende realizzare nell’interesse della comunità, alcuno che avvicinasse gli elettori con il rispetto dovuto a chi ti fa entrare nella propria casa, alcuno che rinunciasse ad evadere il rispetto delle leggi per fare propaganda elettorale come se si fosse candidato alla Presidenza della Repubblica o della Banca Mondiale se non addirittura all’ONU!

In questa campagna elettorale non c’è alcuno che si cali realmente nella realtà del nostro paese, in cui è sicuramente più importante parlare della villa comunale ad uso e consumo dei bambini e delle famiglie anziché studiare le scappatoie burocratiche che permettano di non abbattere il mostro costruito presso l’area fiera, quel mostro che qualcuno va perfino dicendo che sarà annesso al patrimonio comunale destinandolo a non meglio specificate attività per la comunità!"

"Sia come persona sia come responsabile di Rete Rose Rosse Campania - conclude Santaniello nella sua nota - nel dichiararmi totalmente contraria nonché estranea a questo tipo di pratiche, intendo fare una ulteriore e significativa considerazione: attraverso la Rete e i social network, i giovani sangiorgesi stanno facendo un importante lavoro contro l’omologazione culturale e politica, contro la sclerotizzazione delle loro personalità, stanno facendo gruppo, creando simpatia ed empatia tra di loro e assieme a chi comunica con loro attraverso questo fantastico mezzo. In questo modo si sta recuperando un discorso di educazione al pensiero critico e alla libertà reale, si sta recuperando la capacità di autodeterminarsi. Sono certa che i giovani e le ragazze di questa nostra comunità non perderanno la ghiotta occasione elettorale per cominciare a decidere da soli del loro futuro!". 

www.bcrmagazine.it/index.php/news/comunicati-stampa/1455-santaniello-nuova-san-giorgio-qalcuni-candidati-praticano-clientelismoq.html

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...