Rosanna Carpentieri chiede il conto della "Notte Bianca" al sindaco di San Giorgio del Sannio Claudio Ricci

18.08.2011 11:31

Ci sono in ballo migliaia di euro di cui ben 25mila dati dalla Provincia. Come saranno spesi?

Da Gazzetta di Benevento del 18.08.2011

La coordinatrice del Comitato Cittadini per la Trasparenza e la Democrazia Rosanna Carpentieri (foto), con la nota che segue, commenta la recente iniziativa della "Notte Bianca" a San Giorgio del Sannio presentata martedì scorso dal sindaco Claudio Ricci. Ecco cosa scrive Carpentieri.
"Sul sito del Comune di San Giorgio del Sannio, a differenza di tanti atti amministrativi pubblici mancanti, tipo le concessioni edilizie, è dato ampio spazio al programma della ripetitiva e dogmatica Notte Bianca sangiorgese. Troppo poco!
Siccome spero ogni tanto di fare informazione ed il comitato civico che coordino si fregia del nome “Cittadini per la Trasparenza e la Democrazia” è mio, nostro dovere, far sì che tutto ciò che prevede interventi comunali (occupazione di suolo pubblico, consumi energetici, sicurezza, pulizia e tutto ciò che è servizio pubblico oltre a ben venticinquemila euro di soldi pubblici, cioè di tutti i cittadini ) sia fatto nella massima trasparenza. 
Cosa che non vediamo, purtroppo, a parte le esternazioni megalomani, folcloristiche e ad effetto del sindaco Ricci del tipo: "Saranno circa mille le persone impegnate alla realizzazione della Notte Bianca", "La nostra kermesse fa registrare sempre maggiori consensi" oppure: "La manifestazione sarà "sostenuta" da una torta di circa 100 chili della pasticceria Amabile ", offerta a chi riuscirà a sballare e resistere ai bagordi consumistici e di pancia sino alle 2 di notte! 
Non sono questi i numeri che vogliamo sentire dal primo cittadino nonché ideatore di questa iniziativa, alla cui cefalea con aura in un'afosa giornata estiva di sei anni fa dobbiamo questo ripetitivo, dispendioso e inutile parto... di Minerva !
Quando sono in gioco cifre stratosferiche (migliaia di euro), è normale, direi lapalissiano e obbligatorio, che le stesse vengano documentate in un bilancio regolare, pubblico e certificato, del quale l'Ente deve pur farsi carico.
Quindi, prima della rèclame del programma, vorremmo che vengano tirate fuori senza esitazioni tutte le entrate e le uscite, le cifre insomma! 
Sinora sappiamo solo che il Comune per l'evento ha intascato la bellezza di 25mila euro dalla Provincia, ma nel corso della conferenza stampa il sindaco si è guardato bene dal farne il minimo cenno. 
E poi, nello staff organizzativo e nella direzione tecnica chi c'è e quanto percepiscono?
Non è per nulla "civile" e "trasparente" questo modo di fare, a nostro avviso, alquanto "carbonaro" e misterioso...
Forse la giunta Ricci preferisce che la nostra domanda, normalissima in una città “legalizzata”, venga fatta in forme più ufficiali? Se vogliono lo faremo.
Anche se il compito di chiedere spiegazioni quando girano tanti soldi pubblici senza che ci sia uno straccio di bilancio (se non c’è!), oltre che di un giornale o di un sito istituzionale esaustivo e dettagliato, dovrebbe essere dei consiglieri di opposizione appena eletti. 
Carpenella e Castaldo (consiglieri di opposizione ndr) facciano una interrogazione al prossimo Consiglio comunale e chiedano se sono coerenti: fuori il bilancio della Notte Bianca 2010 e quello preventivo del 2011.
Certo, è un pugno negli occhi inaccettabile apprendere che 10mila euro sono andati alla salottiera e opulenta Associazione Campania Europa Mediterraneo per il Premio "giornalistico" Marzani e 5mila euro alla cooperativa Natan Edizioni per il libro "Nostalgia di bellezza" che altro non è se non una collezione di immagini mariane, col fine presunto di far "cultura" nel Sannio;  è un pugno negli occhi inaccettabile bruciare 25mila euro ed oltre nell'arco di qualche ora, quando circa dieci famiglie resteranno senza finanziamenti per le locazioni e non si sa in base a quale criterio saranno escluse rispetto alle restanti 20 ammesse al finanziamento... ed intanto ci sono tantissime altre famiglie che aspettano il pagamento dei buoni per i libri scolastici spettanti dal lontano 2009 (da due anni) e, malgrado solleciti e proteste, l'amministrazione comunale con inusitata arroganza non risponde ai cittadini!
I bilanci sono una cosa seria, l'informazione è una cosa seria e la trasparenza non è un inutile adempimento burocratico ma un sostanziale obbligo di legge.
Lo ricordi il sindaco Ricci e ci renda al più presto pubblico un resoconto ufficiale con il dettaglio delle cifre della "Notte Bianca" sangiorgese! 

In caso contrario, saremo noi cittadini ad organizzare una notte bianca: dei diritti negati, dell'antimafia e della legalità nella nostra terra." 

www.gazzettabenevento.it/Sito2009/dettagliocomunicato.php?Id=34655

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...