Per una Norimberga italiana. Io ho presentato la denuncia. E voi ?

04.12.2014 18:57

http://www.scribd.com/doc/218856929/Denuncia-contro-la-classe-politica-per-una-vera-Norimberga-italiana

Grazie al Gruppo tecnico-popolare Libra e alle decine di denunce presentate dai cittadini, da oltre tre mesi, per la prima volta in assoluto, sono state aperte alla Procura di Roma le indagini preliminari con migliaia di possibili indagati: tutta la classe politica e dirigente degli ultimi 20 anni. Vengono accusati di gravissimi reati che porterebbero a pene dai 10 anni all’ergastolo: in primo luogo Attentati ai diritti politici dei cittadini (art. 294 c.p.) ed Usurpazione di potere politico (art. 287 c.p.), perché ci hanno impedito per otto anni di votare e permangono nelle istituzioni, anche dopo la sentenza della Consulta sulla legge elettorale. Quest’ultima non ha affatto “legittimato” il Parlamento a restare e legiferare, - come ingannevolmente comunicato dal Pres. Napolitano e dai media – ha invece rinviato al regime della prorogatio, previsto dalla Costituzione unicamente quando si devono sciogliere anticipatamente le Camere. Per dare continuità alle istituzioni si lasciano in vita le precedenti, solo fino a nuove elezioni e solo per atti non eccedenti l’ordinaria amministrazione. Per intenderci, un Parlamento in prorogatio dovrebbe subito indire nuove elezioni e non può certo cambiare la Costituzione, come sta invece facendo. Ma la denuncia va oltre e, descrivendo vent’anni d’“integrazione europea”, con la cessione di tutte le sovranità statali ad organismi non democratici - l’Ue e la BCE - ravvisa anche altri reati, come Devastazione, saccheggio e strage; Attentato contro la Costituzione e gli organi costituzionali; Cospirazione politica tramite accordo o associazione. Il principale obiettivo è, dunque, fermarli al più presto, prima che distruggano del tutto l’Italia e le nostre vite.

 Il diritto di resistenza ed autodifesa è implicitamente legittimato dal dovere di fedeltà (alla Repubblica), stabilito dall’art. 54 Cost.e dal principio della sovranità popolare, diritto di ogni singolo cittadino come membro del popolo, e non solo al popolo nel suo insieme. Ciò è definito all’art. 1 della Costituzione che sancisce che la resistenza attiva (non solo passiva) ad un pubblico ufficiale o ad un corpo politico (anche il Parlamento e il Consiglio dei Ministri…) è legittima !

Il diritto alla resistenza è equivalente, corrispondente, analogo e simbiotico al diritto alla sicurezza ed ordine pubblico che impone al cittadino di attivarsi in carenza di interventi di ufficiali di polizia giudiziaria in presenza del verificarsi di un qualsiasi reato affinchè se ne ostacoli ed impedisca la realizzazione …

 LA FACCIA CE LA DOVREBBERO METTERE TUTTI I CITTADINI CHE PARTECIPANO E FANNO PROPRIA LA STRATEGIA, NON ASPETTARE QUESTO O QUEL PERSONAGGIO DA APPLAUDIRE, COSI' DA FARSI FREGARE DI NUOVO E CON IL SOLITO SISTEMA.
LA DEMOCRAZIA E' PARTECIPAZIONE E LA PART
ECIPAZIONE NON E' FARE CLICK CLICK SU FB, E' IMPEGNO, IDEE, LAVORO COMUNE, UNIONE.
FIN QUANDO IL POPOLO ITALIANO NON CAPIRA' QUESTO BASILARE CONCETTO, SEMPRE SUDDITI SAREMO, SEMPRE LASCEREMO DECIDERE "DALL'ALTO" E LA DEMOCRAZIA SARA' SEMPRE UNA VUOTA PAROLA.

Giratelo al logorroico Mario Pepe questo articolo che tanto ciancia di autorevolezza della nostra magistratura ma che sinora non ha trovato il coraggio di denunciare (o di autodenunciarsi?)... e presentate la denuncia.

Credete che la liberazione e la giustizia aspettino i vostri comodi, magari una mezz'ora di impegno dopo la pancia, la palestra, gli hobbies etc.etc.?

Rosanna Carpentieri

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...