Napoli, città divisa in cinque porzioni con due ditte liguri a fare la parte del leone. Il bando dell'Asìa usci nel 2009 ma fu bloccato per un anno dalle interdittive antimafia. E questo ora sarebbe l'appalto anticlan?

23.08.2010 19:55

Napoli, città divisa in cinque porzioni con due ditte liguri  a fare la parte del leone.
Il bando dell'Asìa usci nel 2009 ma fu bloccato per un anno dalle interdittive antimafia.

Ora, due aziende liguri si aggiudicano la gara ? E questo sarebbe l'appalto anticlan?


Due aziende liguri si sono aggiudicate insieme ad un´impresa veneta, il servizio di raccolta rifiuti a Napoli.

In realtà, parlare di doc Liguria vale soprattutto per una delle ditte, la Docks Lanterna, con sede a Genova in via Corsica, che si dovrà occupare della raccolta della "monnezza" nel quartiere residenziale del Vomero.
Ha invece caratteristiche internazionali la Lavajet di Varazze, che ha però nella sua compagine societaria due presenze che potrebbero provocare qualche imbarazzo.

Il presidente del collegio sindacale è infatti il commercialista Giovanni Ciarlo, indagato per truffa ed altri reati in tre inchieste (Vercelli, Savona e Cosenza) assieme ad imprenditori vicini al segretario di stato del Vaticano Tarcisio Bertone.
L´altro nome che scotta è quello di Pietro Pesce (già socio occulto del banchiere Gianpiero Fiorani), imprenditore di Cogoleto condannato in primo grado per evasione fiscale ed attualmente indagato per corruzione ed altri reati dalla procura di Genova.

La Pietro Pesce s.r.l. controlla quote della Ramognina srl, dal nome della discarica di Varazze, che a sua volta le detiene dell´Igea che controlla la Lavajet.

Un reticolo societario che porta anche a Montecarlo e soprattutto a Dubai, con la Nbhh Global Venture.

Negli Emirati Arabi del resto la Lavajet ha vinto un importante appalto per la raccolta rifiuti. Ai vertici della società c´è Giancarlo Vedeo, 72 anni, un dirigente della vecchia Dc savonese.
Quanto alla Docks è amministrata dal suo fondatore, Santino Pesce (nessuna parentela con il Pesce della Ramognina) e dopo aver lavorato per il porto di Genova ha esteso le sue attività soprattutto nel Ponente ligure.
A Napoli l´appalto riguarda cinque aree. Enerambiente e Lavajet hanno infatti vinto quattro dei cinque lotti da 25 milioni di euro dell´azienda comunale Asia. Città divisa in cinque porzioni con le due ditte a fare la parte del leone.

Enerambiente è la compagine della famiglia Gavioli, veneta, che a Napoli attualmente gestisce già parte del servizio ed è socio privato della Te.Am a Teramo.

Lavajet effettuerà il servizio nei quartieri di Chiaia San Ferdinando e San Giovanni Porto.

Il quinto lotto, il Vomero, in cui era diviso l´appalto se lo è aggiudicato appunto l´altra società ligure, la Docks Lanterna.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...