La stupidità della Green Economy senza decrescita

07.11.2010 08:14

La green economy rappresenta una risorsa per affrontare la crisi ma... solo se le tecnologie verdi vengono sviluppate e utilizzate con logiche differenti da quelle ormai obasolete della crescita, nel rispetto del territorio e dell'ambiente, limitando il più possibile gli impatti negativi.
Solo la limitazione degli sprechi energetici e la microgenerazione diffusa può avere senso... ma con la microgenerazione non si possono realizzare impianti enormi e concentrare nelle mani di pochi enormi guadagni (e potere poichè il controllo della produzione energetica è fondamentale).
Così, nascondendosi dietro a una facciata verde, i soliti noti continuano a fare grandi affari sull'ambiente e sulla nostra salute!

 

Stupidità verde

 

La nuova pubblicità di Enel Green Power riesce a concentrare, in trenta secondi, la folle filosofia che sta dietro a questo assurdo modello di sviluppo, basato su tre pilastri fondamentali: crescita – esclusione – spreco.

I due signori che dall’alto di una mega pala eolica osservano con espressioni non proprio brillantissime un immenso “campo fotovoltaico” in fase di installazione, una centrale geotermica e una idroelettrica, sempre di grandi dimensioni, rappresentano meglio di ogni altra cosa la molla che spinge, anche nel settore delle energie rinnovabili, certi gruppi imprenditoriali e una certa (direi tutta) politica nazionale.

E’ il mantra del grande è meglio, della crescita infinita, mania dalla quale certi segretari di partito e amministratori delegati non riescono ancora a liberarsi.

VIDEO Enel: 



Anche Legambiente ci è cascata (in realtà non mi stupisce affatto…), e con la “sua” Azzero Co2 sta contribuendo alla realizzazione di un mega impianto fotovoltaico su 26 ettari di terreno agricolo (l’equivalente di 40 campi da calcio) a Cutrofiano (LE).

Perché poi alla fine succede sempre così, anche con una cosa giusta e sacrosanta come l’energia pulita: se a guidare e condizionare le scelte e il mercato è chi parte da una logica sbagliata trasformerà anche strumenti utili in pericoli concreti e progetti insensati.

In questo Paese non abbiamo più bisogno di grandi impianti e grandi centrali, seppure alimentati con energia prodotta da fonti rinnovabili, perché inevitabilmente questi impianti saranno gestiti da poche realtà, spesso multimanzionali estere, che succhieranno gran parte degli incentivi derivanti dal conto energia per i propri guadagni.

In Italia abbiamo invece bisogno di una colossale operazione di manutenzione energetica del patrimonio edilizio esistente, finalizzata al taglio degli sprechi, delle inefficienze e dei consumi. Quanti posti di lavoro (veri) in più ci sarebbero se davvero qualcuno ascoltasse questi suggerimenti? E quanta Co2 in meno eviteremmo di immettere in atmosfera?

Parallelamente, comune per comune, servono interventi concreti per consentire l’autoproduzione di energia per l’autoconsumo casa per casa: diffusa, capillare, controllata dai cittadini, pulita.

Molti comuni si sono organizzati mettendo in piedi, con la decisiva complicità delle comunità, gruppi di acquisto e allegati energetici ai regolamenti urbanistici edilizi che vanno proprio in questa direzione. L’unica effettivamente sostenibile, da percorrere.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...