Il mistero del buono dei libri scolastici.Un cittadino denuncia il mancato pagamento, l'assenza di trasparenza e "altro": addirittura qualcuno della Biblioteca lo ha pure rimproverato per aver inviato una mail di protesta al Comune.

22.06.2011 12:37

FINALMENTE QUALCUNO SI DECIDE A ROMPERE IL SILENZIO!!!


E speriamo che anche altri si sveglino ! E' ora ed è anche giusto: perchè uniti si vince, perchè è una questione di dignità, di libertà e di diritti, perchè non possono imbavagliarci tutti per il delitto di Lesa Omertà!
Pubblichiamo la dura protesta di un cittadino sangiorgese che come tanti altri  non si è visto pagare il buono dei libri scolastici emesso dal Comune di San Giorgio del Sannio.

"Non c'è nessuna comunicazione al riguardo, solo dei sentito dire..." - ha detto con coraggiosa onestà intellettuale - "anzi addirittura qualcuno della Biblioteca mi ha pure rimproverato per aver inviato una mail di protesta al Comune."

Questo è sintomatico del livello di democrazia, di libertà di parola e di critica concessa alla cittadinanza e della trasparenza e comunicazione 
della pubblica amministrazione sangiorgese, abituata a trattare i cittadini come sudditi tenuti all'obbedienza, alle genuflessioni adoranti, all'autolesionismo e al silenzio, ed i diritti come favori.

 
 
 
 
Così forse stravince  a San Giorgio chi la fa da padrone in oltre un quarantennio di dittatura feudale!
Repressione del dissenso, assassinio della verità, inverosimili deficit democratici: anche l'abuso della querela per diffamazione rientra nella strategia del potere di un'amministrazione jurassica, incapace di legalità, trasparenza, imparzialità, buon andamento, pulizia, efficienza...
Come comitato, abbiamo già chiesto al gruppo consiliare di opposizione "Nuova San Giorgio" di fare chiarezza al prossimo consiglio comunale del 20 giugno 2011 sul bilancio consuntivo del 2010.
C'è o no l'attivo di 800.000 (ottocentomila euro) millantato dal sindaco uscente Nardone Giorgio in campagna elettorale e se sì, perchè non sono stati ancora pagati i buoni libro scolastici ? 
Se in caso contrario  quei soldi (di tutti) sono svaporati nell'arco di qualche giorno, allora che fine hanno fatto? Sono stati forse spesi per finanziare la campagna elettorale, dilapidati in tangenti,  o... come ? Lavatrici ?


Da Gazzetta di Benevento del 21.06.2011


Un nostro lettore, Giovanni Del Gaudio, ci ha inviato una nota di protesta, nei confronti del Comune di San Giorgio del Sannio, per il mancato pagamento dei buoni per i libri scolastici.
"Il Comune - scrive - ogni anno pubblica il bando per il buono libri scolastici, ma stavolta non ha ancora pagato i buoni per la fornitura 2009-2010 e 2010-2011.
Le domande sono state presentate come sempre nei tempi previsti e con tutti i requisiti richiesti.
La cosa sconcertante è che più di una volta sono andato sul Comune ed in Biblioteca, ma nessuno mi ha mai saputo dare una risposta esaustiva, anzi addirittura qualcuno della Biblioteca mi ha pure rimproverato per aver inviato una mail di protesta al Comune.
Parlando poi con gli amici Giovino Carpenella e Giancarlo Bruno ho saputo che sono stati pagati i buoni solo a persone con reddito molto basso, fino a 5mila euro, credo, e gli altri?
Comunque sono redditi bassi che rientrano nei requisiti richiesti... quindi per legge questi buoni devono essere pagati e deve essere il Comune a trovare il modo ed i soldi per farlo.
La cosa vergognosa poi è che il Comune non ha mai comunicato nulla in merito, ma le cose si sanno solo per sentito dire.
Il neo sindaco Ricci in campagna elettorale ha vantato la precedente Amministrazione dicendo che ha chiuso il bilancio con migliaia di euro in attivo... mah... e poi non ha la forza economica di anticipare i buoni libro a persone che ne hanno diritto, costrette invece ad indebitarsi per comprarli?

Evidentemente sono più importanti la statue, le feste, le notti bianche eccetera". 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...