Il Comune di Genova fa sgomberare i Rom dai MAMONE...su cui pesa l'informativa antimafia atipica del Prefetto di Genova e molteplici inchieste.

01.04.2011 11:10

 




Il video de "Il Secolo XIX" documenta lo sgombero del campo Rom di Cornigliano. Per distruggere e rimovere la baraccopoli, ove viveva il centinaio di rom sgomberati, il COMUNE DI GENOVA, della Sindaco Marta VINCENZI - che fa i proclami antimafia e dà gli appalti ed il sostegno ad esponenti noti della criminalità organizzata - ha incaricato la ECO-GE SRL, ovvero la società "principe" della famiglia MAMONE, sulla cui mafiosità da tempo non solo si era espressa la DIA ed il GICO, ma su cui pesa anche l'informativa antimafia atipica del Prefetto di Genova e molteplici inchieste.

Non è tollerabile vedere che si continua a sostenere con incarichi pubblici una società nata e gestita da una famiglia della 'ndrangheta, collegata ed imparentata alla potente cosca dei RASO-GULLACE-ALBANESE (e con questa ai PIROMALLI) ed il cui titolare (prima di diritto, ora di fatto) Gino MAMONE, ha avuto, come documentato e documentabile, rapporti con altri esponenti della 'ndrangheta di notevole spessore criminale, tra cui anche potenti boss, come i RAMPINO, i GULLACE-RASO-ALBANESE, i FAZZARI, gli STEFANELLI-GIOVINAZZO e via discorrendo...

La signora Sindaco si deve essere anche dimenticata che il Gino MAMONE, per cercare di fermare i procedimenti penali (compreso quello in cui è rinviato a giudizio con l'ex assessore proprio della Giunta Vincenzi, Paolo STRIANO, per "corruzione") ha promosso anche riunioni con esponenti della criminalità organizzata per compiere un tentativo di corruzione del pubblico ministero che li indaga.

Era già anomalo e inquitante, come abbiamo recentemente scritto, che la ECO-GE, nonostante la pesantissima inchiesta "PANDORA" (che ha permesso alla Procura di svelare il "cartello di imprese" con cui la ECO-GE si garantiva - direttamente e con i subappalti - la grande parte dei lavori - e soldi - assegnati con appalto dalla società pubblica SVILUPPO GENOVA SPA per le aree di Cornigliano) continuasse ad operare, come se nulla fosse, nei lavori di quel grande cantiere, così come il fatto che sempre i MAMONE con la ECO-GE operino (in parallelo alla SCAVO-TER della famiglia FOTIA della cosca MORABITO-PALAMARA-BRUZZANITI) in gran parte dei cantieri della "Genova Hi-Tech"... ma adesso si è superato ogni limite.

A questo punto valuteremo quali iniziative adottare, ivi comprese nuove pubblicazioni inedite, per far sì che si interrompa questo inquietante rapporto, che nel suo riprodursi dimostra che quelle parole pronunciate da Gino MAMONE ed intercettate dalla Guardia di Finanza (nell'inchiesta che ha portato in carcere il braccio destro proprio della signora VINCENZI) non erano affatto un "millantato credito", quando affermava che lui, Gino MAMONE, è "amico" della signora Marta VINCENZI, così come di Claudio BURLANDO, e che quindi non lo avrebbe fermato nessuno!

Altri scatti dagli ERZELLI di Genova

Altri scatti dagli ERZELLI di Genova

Altri scatti dagli ERZELLI di Genova

Altri scatti dagli ERZELLI di Genova

Altri scatti dagli ERZELLI di Genova

Altri scatti dagli ERZELLI di Genova

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...