DEMOCRAZIA SFERICA E TRASPARENZA AMMINISTRATIVA SUL MODELLO SVEDESE (documento in fieri)

15.03.2013 03:36

 

La trasparenza amministrativa consiste, nella sua accezione più ampia, nell'assicurare la massima circolazione possibile delle informazioni sia all'interno del sistema amministrativo, sia fra quest' ultimo ed il mondo esterno. Ed è proprio qui che si verifica il corto circuito, ovvero quelle persone che noi regolarmente andiamo a votare , una volta elette si rifiutano di fare e fornire alla cittadinanza ogni mezzo di informazione.
 
Questo è il motivo per il quale spendono per le loro campagne elettorali somme immense che non sono giustificabili se si pensa che il loro mandato ed i loro stipendi sono a tempo determinato e dunque il rientro di quanto speso estremamente difficile. Ma chi sarebbe così stolto una volta avuto accesso al "tesoro" di fornire a tutti quanti le chiavi dando stessi diritti......la risposta è ovvia....nessuno!!!
 
Dunque la colpa di quanto succede non è della classe politica , bensì di noi cittadini, tutti occupati a scandalizzarci degli eventi senza nulla fare di concreto e in prima persona per arrestarli. Se pensate che i partiti che dicono di  rappresentarci godano di qualche legittimazione reale, vi sbagliate di grosso. Sono dei molossi calati dall'alto per ingabbiare ogni nostro ideale e bisogno di certezze, di diritto, ma soprattutto di giustizia e non di giustizialismo che è ben altra cosa e che condanniamo senza misure! 
 
Bisogna pertanto auspicare un nuovo modello elettorale che ruoti intorno ad un sistema meritocratico e di vera selezione della classe dirigente .
 
Dobbiamo finire di scandalizzarci, ma essere propositivi :per questo crediamo che approvare una legge sulla trasparenza sia fondamentale. Se la chiave della cassaforte, il nostro comune, è nelle mani di poche persone che possono accedere ai documenti, prima o poi si metteranno d'accordo per spartirsi la torta......Se invece quella chiave sarà nelle mani di TUTTI non sarà più possibile rubare ed i furbetti saranno finalmente avvertiti !!!
Pertanto siamo fermamente convinti che solo APPROVANDO UNA LEGGE SULLA TRASPARENZA (sul modello svedese) si potrà finalmente sconfiggere le mafie ed operare quel cambiamento che i nostri politicanti per mero opportunismo e tornaconto castale personale rifiutano di darci!!! Rifiutiamo per questo motivo gli stereotipi dei partiti attualmente rappresentati legati a vecchie logiche di destra e di sinistra . Tali partiti sono difatti arcaici e superati in quanto sono sottoposti in primis a logiche di potere e pertanto sono "calati dall'alto" per strumentalizzare le folle e dividerle con schemi ideologici, quali destra e sinistra, utili semplicemente per intercettare il consenso e gestirlo ad uso e consumo di potentati ed oligarchie .
Una democrazia ,per essere tale, deve essere condivisa e  tendenzialmente sferica. Non è un caso che nelle antiche democrazie delle città greche , i cittadini , a turno, partecipavano alla vita della “Polis” e tutti erano soggetti alla stessa legge, e tutti venivano coinvolti a partecipare alla vita pubblica attraverso la rotazione e il sorteggio nella partecipazione alle cariche politiche . Questo stava ad indicare che tutti godevano della medesima “aretè”, ovvero di quella virtù che è in ogni uomo di eccellere in qualsiasi attività , trovando così ognuno il senso e la giusta dimensione nella partecipazione alla comunità. Internet è dunque lo strumento adatto per condividere e programmare il nostro futuro , insieme , in una democrazia realmente rappresentativa , dove ognuno di noi potrà finalmente aspirare , e con diritto , ad essere soggetto attivo di una società in continua evoluzione, assicurando la gestione della cosa pubblica , ai nostri  eletti , ma estendendo però il controllo a tutti i cittadini !
La TRASPARENZA AMMINISTRATIVA è dunque l'unica soluzione per smascherare le vecchie categorie partitiche e far capire che dietro certe ideologie, si nasconde solo un obiettivo: l'asservimento delle folle a tornaconti utilitaristici di oligarchie di potere.
La TRASPARENZA AMMINISTRATIVA non è una delega in bianco data ai nostri eletti, ma uno strumento che permetterà ad ogni cittadino di verificare e controllare l'operato della pubblica amministrazione!!! E' lo strumento che combatterà le mafie che nelle pieghe di uno stato discrezionale, arbitrario, occulto e feudale riescono da sempre ad approfittarsi di tale situazione a danno della collettività!
 
Quanto alla differenza tra giustizialisti e giustizia, essa è insita nel concetto stesso di trasparenza , che riconosce ai cittadini un peso politico e diritti civili . Nel giustizialismo finti condottieri si ergono per levare la spada e fare giustizia garantendo ed estendendo il controllo e la verifica non all'intera comunità , ma elevandosi loro stessi come garanti di un processo , che non sarà mai tale fino a quando tale giudizio non sarà esteso all'intera comunità che con la trasparenza potrà finalmente avere gli strumenti necessari per poter controllare e verificare l'operato degli amministratori.
 
Occorre spezzare la gestione del potere e del controllo dello Stato affidato a gruppi di potere privi di senso dello Stato , che hanno alimentato il clientelismo e la corruzione , impedendo la crescita economica della base con il solo scopo di mantenere salde le redini ed il controllo del paese, ignorando ogni regola di mercato.
 
Corruzione e malcostume politico non sono un male recente , già dagli inizi dell'Ottocento la storia del nostro paese è intrisa di scandali, dalla Banca Romana, allo scandalo della regia dei tabacchi o delle ferrovie ; dunque nessuna meraviglia , nessuno stupore , ma finiamo di lamentarci e cerchiamo di capire cosa realmente vogliamo essere e cosa realmente occorre !
 
Dunque in sintesi la differenza sostanziale è la seguente : il legislatore italiano sente la necessità di tutelare l’imparzialità e la trasparenza della Pubblica Amministrazione attraverso un possibile eventuale controllo, ma limitato solo ai “diretti interessati”, il legislatore svedese la dà sostanzialmente per scontata e considera l’accesso ai documenti come un diritto di ciascun cittadino ad essere liberamente ed esaustivamente informato.
 
La differenza non è solo formale , ma di sostanza. In Svezia infatti ogni atto è pubblico entro le ventiquattro ore, nel nostro paese diversamente è necessario presentare una istanza di accesso , ovvero è come se per entrare dentro casa nostra si dovesse chiedere le chiavi a qualcuno!
 
Senza contare che quando si richiede di prendere visione di documenti prodotti dalla pubblica amministrazione , sui quali si ha il sospetto di "impicci ed imbrogli" , il diritto di accesso viene sempre negato ed il cittadino è costretto dunque a ricorrere , con grave dispendio economico, ai tribunali competenti , innescando procedimenti che durano oltre i cinque anni , come è ben noto , alla fine dei quali , accertata la fraudolenza , ogni rivendicazione sia in sede civile che penale è nulla , in quanto i reati sono già prescritti!
 
Rosanna Carpentieri
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...