“Da vescovo non denuncerei mai un prete pedofilo. Se in passato hanno taciuto, hanno agito con prudenza!”

17.08.2011 16:29

Personalmente  interpreto la notizia come una Conferma che "a monte" della Massoneria ci sono le più alte cariche del cosiddetto "Clero"....

Infatti ANCHE nella Massoneria il Primo dei Comandamenti è di NON denunciare un "Fratello Massone" alla Giustizia ordinaria... a prescindere da cosa ha commesso!!!... dò per scontato che questo "Monsignor"... Babini verrà "messo in sonno" (trasferito in altra sede perchè sia più difficile "Individuarlo" e/o chiedergli le DOVUTE spiegazioni...), come già fecero con "Monsignor"-Marcinkos... ai tempi di Sindona e Calvi... e ALTRI... "inviati in conventi a meditare"... (R. Carpentieri)

 

“Da vescovo non denuncerei mai un prete pedofilo. Se in passato hanno taciuto, hanno agito con prudenza!”

 

image

"Comprendo la linea del cardinal Bagnasco a Genova, io avrei fatto la stessa cosa. Andare in parrocchia, celebrare messa e chiedere scusa ai fedeli. Ma questo non implica una uniformità di condotta e non dimentichiamo cheil caso di Genova non viene da una denuncia di Curia, ma da investigazioni della Magistratura"

"A me non ne sono capitati. Certamente il Papa attuale ha preso una via giusta di repressione del fenomeno, spinto anche dal puritanesimo aggressivo degli Stati Uniti. Ma io da Vescovo non denuncerei un prete pedofilo e credo che nel passato, se hanno taciuto dei Vescovi, hanno ...  operato con prudenza". (da Pontifex)

Il virgolettato qui sopra appartiene a Monsignor Giacomo Babini, Vescovo emerito di Grosseto, che rilascia le scioccanti parole, in merito al caso di Don Riccardo Seppia, il prete arrestato per molestie sessuali su un minorenne …

Questa persona non è la prima volta che fa dichiarazioni simili … e io credo che tenere in libertà una persona del genere sia un pericolo per l’incolumità dei cittadini!!!!! 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...