Comitato Trasparenza e Democrazia sul degrado sanitario al ‘Rummo’ di Benevento

11.11.2012 17:07

Ospedale Rummo

La notizia

Da Corriere del Sannio del 10.11.2012
Lunedì 12 novembre, alle ore 12, presso la direzione generale dell’Azienda Ospedaliera “Rummo” si terrà la conferenza stampa di presentazione di due concorsi di idee. Il primo per l’individuazione di una proposta progettuale concernente la ristrutturazione e riqualificazione dell’atrio di ingresso del padiglione San Pio; l’altro bando è relativo alla ideazione del nuovo logo aziendale.

Saranno presenti: il direttore generale, Nicola Boccalone, il Presidente dell’Ordine degli Ingegneri, Francesco Cardone, il Presidente dell’Ordine degli Architetti, Sabatino Falzarano, il Dirigente del Liceo Artistico di Benevento, Giulio De Cunto, l’artista Mario Ferrante.

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Perchè deve intervenire Striscia.

E’ incredibile come la Direzione Generale dell’a.o. Rummo pensi all’apparenza, a nascondere  polvere, sporcizia  e  calcinacci sotto al tappeto, al logo aziendale, ai fronzoli e NON A DOTARE I BAGNI E LE CAMERE DI DEGENZA DI CARTA IGIENICA, a rendere fruibili gli sparuti e introvabili servizi aperti anche ai visitatori dei pazienti e alla utenza in genere e posizionati al solo piano terra di ogni “padiglione”, dotandoli di carta igienica e carta asciugamano, a prevedere per ogni reparto ed ogni sala di attesa, un bagno per i non pazienti.

Ne deduciamo che la direzione è veramente … a corto di idee.

E anche di correttezza.

Il direttore generale, difatti, NON ha ancora risposto alla denuncia a mezzo stampa del degrado igienico sanitario, nè ha  fornito spiegazioni a riguardo , nè ha provveduto al ripristino delle condizioni minime essenziali di igiene.

Vuole una protesta clamorosa dei cittadini  durante la conferenza stampa di illustrazione del “concorso di idee” ?

 

Da luglio, dopo l’insediamento del neo primario di chirurgia (in foto) , Benevento e il Rummo saranno pure diventati mete per viaggi…della speranza, come lei dice caro Direttore Generale, ma nell’ospedale manca persino la carta igienica per i bisogni fisiologici (!), non ci sono docce per i pazienti ed i tempi di degenza sono inaccettabili !

Abbiamo potuto verificare che all’ospedale Rummo di Benevento (classificato a.o. di rilevanza nazionale) non c’è carta igienica per i bisogni fisiologici (!), nè sapone, nè carta asciugamano, nè nei “servizi igienici condivisi” da degenti, in camere da tre letti, nè nei bagni a servizio dell’utenza varia dell’ospedale. 

Cosa c’è di più essenziale in un luogo di cura di servizi igienici effettivamente tali e a norma di legge ? Che fare? I NAS perchè non intervengono ? 
A breve diffonderemo un reportage fotografico se non si provvede ad horas ad assicurare le condizioni minime essenziali di igiene. 
Come funziona egregio Direttore Generale la gestione dell’appalto di pulizia e la fornitura di materiale di consumo per i servizi igienici ?
Cosa ne è del rispetto dei protocolli di contrasto alle infezioni ospedaliere ?
L’ospedale spreca fior fiori di soldi per un inutile servizio di vigilanza diurna che non serve a nulla, esiste già l’urp e il servizio informazioni nei vari padiglioni.
Inoltre, una semplice radiografia per i ricoverati avviene su prenotazione al dipartimento di radiologia (che serve a ricoverati, esterni ed emergenze del pronto soccorso).
Le chiediamo: quanto viene a costare alla collettività tutta e al singolo paziente, considerando i tempi di attesa , i costi sia economici che esistenziali della degenza, e soprattutto, la celerità degli interventi terapeutici una semplice lastra al torace di routine
Quanto viene a costare alla collettività e al paziente un ricovero pre operatorio che si protrae per mesi per le deficienze organizzative della struttura ospedaliera da lei diretta ?
Perchè non si pratica l’ospedalizzazione diurna, il day hospital pre operatorio con concentrazione di tutti gli accertamenti propedeutici nell’arco di due giorni (come avviene per es.a Verona, in Italia) anzichè sempre e solo il ricovero in regime ordinario ?
Parliamo a titolo di esempio di reparti cardine come Chirurgia generale e oncologica che dovrebbero essere l’eccellenza della funzionalità, dell’efficienza e della organizzazione corretta delle risorse umane e materiali, ma dove purtroppo alte professionalità mediche – di cui andiamo orgogliosi , onorano la nostra terra contrassegnata da atavici battibecchi e feudalità politiche, apatica e rassegnata ai massimi sistemi patologici e che potrebbero segnare una svolta nella salvaguardia effettiva del diritto alla salute – sono costrette a prestare con solitaria abnegazione la propria opera, ogni giorno in inaccettabili ed incivili condizioni da terzo
mondo !
(E ci creda, qui il logo (!) c’entra poco o niente , come il cavolo a merenda !)
 
Ciascuno (NAS, Direzione Generale, Assessorato regionale alla Sanità, Magistratura etc.) nella sfera di propria competenza provveda e si verifichino le responsabilità della situazione di degrado igienico-ambientale !
Comitato Cittadini per la Trasparenza e la Democrazia

IL VIDEO:I servizi igienici ANTI IGIENICI DELL’OSPEDALE RUMMO DI BENEVENTO

 

Rosanna Carpentieri del comitato Trasparenza e Democrazia
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...