A Nicola Vendola quesiti facili facili . Da leggere con attenzione

02.09.2010 16:15

 

 

A Vendola domande facili facili

Il giornale ITALIA TERRA NOSTRA invita il governatore della regione Puglia ad un confronto dialettico in una sede pubblica, con il giornalista Gianni Lannes.

Tema: la sanità. In attesa di un’eventuale accettazione (entro 30 giorni) richiesta già formalmente notificata alla sua segreteria, porgiamo al presidente Nichi Vendola i seguenti quesiti:

  1. Lei da quanti anni governa la Regione Puglia?
  2. I conti sanitari sono in rosso?
  3. A quanto ammonta esattamente il deficit attuale delle aziende sanitarie locali?
  4. Il patto di stabilità è stato sforato  nel 2006 e nel 2008? La Corte dei Conti ha preso un abbaglio?
  5. Chi ha imposto i manager delle Asl?
  6. Complessivamente in soldoni pubblici, dal 2005 ad oggi, quanti quattrini la regione Puglia ha versato alle istituzioni sanitarie private?
  7. La regione Puglia finanzia anche il Vaticano?
  8. In Puglia sono ancora aperti alcuni manicomi di proprietà della Santa Sede, in violazione della legge 180/1978 (legge Basaglia), foraggiati dall’ente Regione, vale a dire utilizzando fondi pubblici?
  9. La Fondazione San Raffaele di Milano è una compagine no profit?
  10. Signor governatore sa che il suo amico don Verzé è socio d’affari di Berlusconi?
  11. L’operazione San Raffaele del Mediterraneo cela una speculazione finanziaria ed immobiliare?
  12. C’entrano qualcosa la Molmed (Berlusconi) e la Fintecna Immobiliare srl (il governo Berlusconi)?
  13. Secondo lei è  tutto a norma di legge? Ha stipulato per caso patti parasociali con don Verzè che prevedono in altri termini accordi sottobanco?
  14. Perché non ha proceduto con una regolare gara d’appalto?
  15. Le dispiace illustrare – e pubblicare – ai suoi sostenitori il contenuto integrale dell’atto notarile stipulato dal notaio Vinci nella sede della cittadella Carità, da lei sottoscritto in nome e per conto di 4 milioni di ignari pugliesi?
  16. Perché non è stata resa di dominio pubblico la Delibera di Giunta regionale numero 1154 del 2010?
  17. Don Verzé – o comunque i suoi sodali – ha per caso sostenuto economicamente la sua ultima campagna elettorale?
  18. E’ preferibile prevenire le patologie tumorali e la malformazioni nei bambini causate dall’inquinamento ambientale, oppure è meglio appaltare l’affare pseudo-curativo al privato don Verzé o chi per esso nei secoli dei secoli?
  19. In media 40 mila malati l’anno solo nell’area jonica: sono un boccone appetibile per gli squali sanitari in circolazione nel Belpaese che spacciano cure miracolose?
  20. Perché la Regione non ha avviato una riconversione delle industrie inquinanti a Taranto, invece di autorizzare l’ulteriore inquinamento come nel caso recente della Cementir (Aia, giugno 2010)?
  21. A proposito di diossine: perché la Regione da lei presieduta ha varato una legge truffa? Intendeva fare un regalo all’industriale Riva?
  22. Nel nuovo ospedale cattolico San Raffaele del Mediterraneo a Taranto, sarà possibile praticare l’aborto (sancito da una legge dello Stato Italiano)?
  23. I gay saranno accettati senza problemi in questo nosocomio controllato dal reverendo Verzé?
  24. Presidente Vendola perché teme un confronto alla luce del sole con il giornalista Gianni Lannes, a cui ha espresso pubblicamente solidarietà per gli attentati subiti e al quale ha riconosciuto grande capacità professionale e correttezza deontologica?
  25. Che lei sappia governatore Vendola, l’ospedale San Raffaele di Milano (annessi e connessi in Italia e nel mondo) produce rifiuti nucleari trasferiti nella provincia di Taranto o in Puglia? Dove si “smaltiscono” le scorie sanitarie radioattive e chimiche dei nosocomi e laboratori del presidente don Verzé?

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...