Comitato Cittadini per la Trasparenza e la Democrazia

L'informazione ed il giornalismo sono beni comuni da tutelare ! 

E’ stata la t-shirt più invidiata e richiesta, all’assemblea annuale della Federazione Europea dei Giornalisti (Efj) che si è svolta a Belgrado: “journalism is a public good”. E’ una campagna del sindacato britannico, ma parla un linguaggio che tutta Europa sente suo: l’informazione come bene pubblico, come bene comune. 


E’ un’espressione che suona più familiare anche per noi, ora che i referendum hanno detto con bellissima nettezza quale sia la considerazione della quale godono i beni comuni tra i cittadini italiani.

Acqua, energia, giustizia erano i temi specifici in questione. Ma i Sì hanno dato la spinta ad una diversa considerazione del rapporto pubblico-privato anche per altre “materie prime” della democrazia: tanto più quando emergono le trame delle logge (vedi gli scandalosi rapporti tra Bisignani e alti dirigenti Rai) per chiudere i rubinetti dai quali - come sempre ricordava Enzo Biagi - dovrebbe uscire l’acqua dell’informazione. 
Nel meeting europeo le preoccupazioni per i rischi che corre il pluralismo informativo, specie con gli attacchi all’autonomia dei servizi pubblici, hanno avuto grande spazio. Al caso italiano - ormai un “classico”, in questi appuntamenti - si è sommato l’allarme che suscita la nuova legge ungherese sui media, possibile nefasto modello per altri Paesi membri. Ma insieme alla denuncia c’è stata la scelta del sindacato - ed è questa la novità più importante dell’incontro - di sollecitare più decisamente le istituzioni europee a fare la loro parte. L’Unione non può essere - dice la mozione approvata su proposta della Fnsi - “regolata soltanto da parametri condivisi per garantire la stabilità economica, ma anche da indicatori egualmente vincolanti per la libertà di espressione e di informazione”. Le istituzioni Ue devono superare le limitazioni che fin qui le hanno rese inefficaci in materia di pluralismo e impotenti contro le restrizioni nazionali. Il sindacato europeo ha finalmente messo da parte il sospetto con il quale aveva guardato per anni ad un possibile intervento della Commissione, temendo che da lì venissero limiti all’autonomia del giornalismo. Ha compreso che le istituzioni di Bruxelles e Strasburgo non devono essere lasciate alla sola interlocuzione con le potenti lobby degli editori commerciali, e chiede ora esplicitamente all’Europa “misure di pubblico sostegno all’indipendenza dell’informazione”. 
In questa azione, i giornalisti europei hanno chiara la necessità di rinsaldare l’alleanza con le tante organizzazioni sociali che in ogni paese sono impegnate sui temi della comunicazione come elemento essenziale della vita democratica.

Perciò ha trovato accoglienza assai positiva una proposta che la Fnsi ha portato all’assemblea di Belgrado, dopo che in Italia ha già cominciato ad elaborarla il “Comitato per la libertà e il diritto all’informazione, alla cultura e allo spettacolo”: il progetto di far uso della “citizen iniziative”, il nuovo strumento messo a disposizione dei cittadini europei dal Trattato di Lisbona.

Una petizione popolare che, se sottoscritta da un milione di persone in almeno un quarto dei Paesi della Ue, deve obbligatoriamente essere presa in esame dalla Commissione Europea.

Ci piace molto l’idea che la sua inaugurazione avvenga con una campagna continentale sui temi del pluralismo informativo.

Il testo da far firmare verrà messo a punto nelle prossime settimane, per lanciarlo in Italia e altrove non appena saranno state definite le regole di attuazione della “citizen iniziative”.

Quella voglia di partecipazione che i referendum italiani hanno visto esplodere avrà presto una nuova occasione per manifestarsi.

Roberto Natale ( Presidente Fnsi )

La nostra filosofia in una immagine: You see it, you report it.

 

 

 

La trevigiana Telsey per dieci anni al Polo di eccellenza Informatica licenzia tutti i dipendenti (meno tre) !

Le mani sul Sannio: rapporto tra piani regolatori, housing sociale e riciclaggio di denaro sporco. Un’intervista a Gabriele Corona del nostro Comitato e presidente di Altrabenevento contro il Malaffare

24.06.2011 12:09
  Da Il Corriere del sannio del 24 giugno 2011 di Giovanni Chianelli “Viviamo un momento storico per il Sannio, e per Benevento in particolare. C’è il rischio che la nostra diventi definitivamente e organicamente un’economia assistita dalla Mafia”. A parlare è Gabriele Corona, 56 anni,...

San Giorgio del Sannio.Da luglio del 2010, gli ex lavoratori della Telsey campana, messi alla porta con la connivenza fraudolenta del sindacato, sono ancora senza TFR.

20.02.2011 11:59
Da luglio del 2010, gli ex lavoratori  della Telsey campana, messi alla porta con la connivenza fraudolenta  del sindacato,  sono ancora senza TFR. Scandalo Telsey. Scajola la sceglie per il Made in Italy mentre licenzia i dipendenti ...

http://www.sito.regione.campania.it/burc/pdf07/burc43or_07/decdir174_07.pdf

03.07.2010 23:53
 http://www.sito.regione.campania.it/burc/pdf07/burc43or_07/decdir174_07.pdf Scaricate tutto, a giorni forse non sarà più reso disponibile. Grazie !

I progetti di Telsey, Ecor e Gamma Poliuretani selezionati da Scajola

03.07.2010 23:50
 Fonte: La Tribuna di Treviso.  di Daniele Ferrazza  Uno stimolo al made in Italy per mettere in moto nuovi investimenti per due miliardi di euro     Duecento progetti innovativi in tutta Italia. Per cercare di muovere il paese il Ministero per lo Sviluppo Economico...

Termodistruzione, navi affondate, mafie politiche e...Capurro & co..Ricostruzione di un puzzle Puglia-Liguria

03.07.2010 23:21
In un significativo report ( Analisi dei costi di un inceneritore o termodistruttore :http://www.facebook.com/note.php?note_id=408308794500) abbiamo fatto un' analisi delle centrali di "termodistruzione" europee. Veniva rilevato come la Germania utilizzi le numerosissime miniere di salgemma...

I progetti di Telsey, Ecor e Gamma Poliuretani selezionati da Scajola . Telsey che licenzia è in crisi?

03.07.2010 23:19
Fonte: La Tribuna di Treviso.  di Daniele Ferrazza  Uno stimolo al made in Italy per mettere in moto nuovi investimenti per due miliardi di euro     Duecento progetti innovativi in tutta Italia. Per cercare di muovere il paese il Ministero per lo Sviluppo Economico ha...

I SINDACATI "DISCONOSCONO" PER LA SECONDA VOLTA LE R.S.A. DEI LAVORATORI TELSEY S.p.A. DI SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

03.07.2010 22:52
       Il Comitato Sangiorgese "Cittadini per la Trasparenza e la Democrazia" rende noto, con invito a  diffondere con la massima urgenza, che martedi  29 giugno 2010 presso la sede di Confindustria a Benevento si è tenuto un incontro tra Confindustria, Telsey S.p.A....

La forza è nel puntello impugnato da oneste, fortissime mani. IN PIAZZA CON I LAVORATORI DELLA TELSEY DI SAN GIORGIO DEL SANNIO. E' ORA !

01.07.2010 23:44
Ci stanno provando in tutti i modi a farci diventare sudditi e non più cittadini. Ci stanno provando in tutti i modi a farci accettare il massacro dei nostri diritti. Dicono che "ce lo stiamo scegliendo noi", ma ogni volta ci fanno votare presentandoci candidati politici da votare con il naso...